CORONAVIRUS

Narni, l'edicola Piediluco: «Siamo aperti solo per metà giornata ma torneremo presto»

Mercoledì 18 Marzo 2020 di Marcello Guerrieri
Aurora Piediluco, edicolante

NARNI L’edicola è chiusa di pomeriggio, adesso, nel pieno marasma del coronavirus ma la mattina l’”esercizio Piediluco” di Santa Lucia di Narni mantiene la serranda aperta, con l’idea di continuare. «Il momento è quello che tutti sappiamo – spiega Aurora Piediluco, ragazza alta ed atletica, che opera all’interno dell’edicola insieme alla mamma e a tutta la famiglia – abbiamo cercato di abbassare il livello del contagio. E dire che il pomeriggio la nostra edicola è molto frequentata ma la paura serpeggia dappertutto». Ed è frequentata perchè è il riferimento del centro abitato di santa Lucia, quartiere densamente popolato. Frequentata perchè è anche una cartoleria e pure, in piccolo, rivendita di fiori, sfruttando la parentela del grande vivaio Piediluco a Strada dei Confini. «Mascherina e guanti fanno parte ormai del nostro corredo quotidiano – dice ancora – conosciamo tutti i nostri clienti, personalmente, perchè sono di qui. Poi li conosciamo da piccoli, da quando vengono alla cartoleria, poi li vediamo crescere e passare all’acquisto dei giornali». Anche questo è un segnare lo scorrere della vita a Santa Lucia, dove c’è molta unità ma una sola edicola, quella di Piediluco.

Ultimo aggiornamento: 20 Marzo, 05:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani