Creepy Smiley Face, il rock per rompere l'isolamento ai tempi del Covid

Creepy Smiley Face sul palco (FOTO PROFILO FACEBOOK)
di Corrado Losito
2 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Marzo 2021, 21:29

PERUGIA - Musica come terapia, sound come ancora di salvezza. In una fase complessa come quella attuale regalare emozioni risulta sempre più difficile. Ecco che allora la verve di qualche nuovo gruppo musicale può rendere meno amari i giorni in tempi di Coronavirus.

È il caso dei Creepy Smiley Face, band umbra nata nel 2017 a Castiglione del lago, dall'unione dei componenti di due gruppi. Si tratta di cinque ragazzi «spinti da una grande passione in comune, ed un incredibile voglia di far sentire la propria voce e le proprie idee» come recita testualmente la locuzione nella pagina Facebook. Da qui prende forma un viaggio dove tutti gli ingredienti formeranno il cibo «di cui non possiamo fare a meno, creare la nostra musica preferita. Chitarre dalle sfumature forti, basso e batteria potenti e definiti, testi che raccontano storie di questo mondo, sempre a testa alta, con il sorriso enorme stampato su una faccia terrificante, quella dei Creepy Smiley Face».

Il sound è piacevole, un rock che miscela la tradizione con l’alternative. Ballate e assoli acustici ma soprattutto tanta voglia di divertirsi e divertire. Intanto è già arrivato un piccolo traguardo, quello della finale regionale di Sanremo rock 2021. «Ci ispiriamo a Tom Morello dei “Rage against the machine” ma assembliamo diverse sonorità e a breve uscirà il primo album» sottolinea Alessandro Massinelli batterista del gruppo che comprende anche Simone Billi Voce, Maicol Silvestri e Simone Persici Chitarra e Guido Olanda al basso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA