I sogni dei ragazzi disabili si realizzano in fattoria

Giovedì 5 Marzo 2020 di Vanna Ugolini
Le pecore hanno molti più colori di quello che possiamo pensare e non servono solo a farci addormentare ma anche realizzare di giorno i sogni che si fanno di notte. Uno di questi si realizzerà domenica prossima, alla nuova fattoria sociale di Strettura di Spoleto ed è un sogno molto grande e molto colorato, perchè pensato, voluto e realizzato da tante persone. Si chiama Fattoria inclusiva Le pecore gialle, è il frutto di un lavoro lungo un anno, concretizzato dalla Cooperativa Sociale E.Di.T., in collaborazione con Associazione Aladino, Arci Terni e Arci Solidarietà. Insieme hanno partecipato al bando della Regione Umbria per il finanziamento di progetti sperimentali del terzo settore e il loro progetto è stato selezionato e finanziato.
Il finanziamento integrale destinato al progetto è stato di 474.151,24 euro che ha portare alla creazione e gestione di una fattoria sociale: una fattoria vera, con una struttura ristorativa e ricettiva, un'azienda agricola dedita alla coltivazione e all'allevamento, un co-housing per persone con disabilità o svantaggio sociale. Un luogo, insomma, dove le persone con disabilità potranno stare e lavorare, crearsi un percorso di vita in un ambiente bello e accogliente, in mezzo alla natura.
Oltre alle attività strettamente legate al lavoro e alla formazione nella fattoria sociale, infatti, Le Pecore Gialle sarà un contenitore di iniziative legate all'inclusione: momenti di incontro, confronto e riflessione tra operatori del terzo settore; laboratori permanenti per persone con disabilità e migranti; percorso di autonomia abitativa; attività culturali e formative, in genere.
Le Pecore Gialle «si pone come obiettivo la piena autonomia per soggetti socialmente svantaggiati attraverso la costruzione e lo sviluppo di un percorso di progettazione e gestione condivisa tra gli utenti stessi, le loro famiglie, gli operatori dell'assistenza socio-educativa e gli esperti dei diversi settori produttivi finalizzato alla gestione di una fattoria sociale».
Insomma, in parole più semplici, alle Pecore Gialle si cercherà di disegnare un percorso di vita per i ragazzi di oggi che, domani, saranno adulti e dovranno cavarsela da soli. Un dopo di noi che profuma di campagna ed è venato dei colori delle colline umbre.
La scelta della fattoria di Strettura di Spoleto «è stata dettata dal fatto che a Terni non abbiamo trovato un luogo adatto, in cui trovare un percorso già avviato. Ci siamo guardati intorno e la scelta è caduta su Strettura di Spoleto. Ci siamo messi al lavoro e, ora, siamo all'inaugurazione». Dal 7 marzo sarà aperta al pubblico.Per ogni info si può scrivere a pecoregialle@editcooperativa.it o telefonare al 3714941419

© RIPRODUZIONE RISERVATA Ultimo aggiornamento: 14:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani