«Terni, l'ex Milizia non può diventare un ostello». Per Thomas De Luca (M5S) è urgente farne un centro Covid

«Terni, l'ex Milizia non può diventare un ostello». Per Thomas De Luca (M5S) è urgente farne un centro Covid
di Au. Prov.
3 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Gennaio 2022, 16:36 - Ultimo aggiornamento: 22:10

TERNI – «Trasformare l'ex Milizia in un dormitorio e chiudere gli ospedali di Spoleto e Branca, non risolve un bel niente. Men che meno aiuta a gestire l'emergenza sanitaria ancora in corso». L’annuncio dell’assessore regionale ai lavori pubblici, Enrico Melasecche,  di destinare  la palazzina ristrutturata anni fa per ospitare il progetto di ricesca sulle cellule staminali, in ostello per  famiglie dei ricoverati, sa dell’incredibile a Thomas De Luca, consigliere d’opposizione del Movimento Cinque Stelle.  Che si fa polemico: «Ecco la lungimirante gestione della quarta ondata Covid da parte della Giunta regionale».  «Sono due anni che chiediamo, inascoltati, di utilizzare l'ex Milizia per la gestione di pazienti Covid -  ribadisce Thomas De Luca  -  un edificio attrezzato con gruppi di continuità, postazioni predisposte per l'ossigeno e adeguato per ospitare centri di ricerca ad alto livello. Secondo quanto riportato in un post su Facebook dell'assessore Melasecche, la struttura potrebbe essere trasformata in una sorta di albergo per i familiari dei pazienti ricoverati al Santa Maria.

Un finale inedito per l'ex Milizia, sia dal punto di vista della gestione sanitaria che sotto il profilo economico, considerando i costi necessari a riconvertire in dormitorio una struttura che tra utenze e bollette costa 25mila euro all'anno. Dopo i milioni di euro buttati per l'ospedale da campo e per i moduli prefabbricati di Arcuri, costituirebbe altro spreco di denaro pubblico trasformare in  ostello quella che al momento è una cattedrale nel deserto. Questo è momento complicato, in cui il tracciamento è  saltato e i contagiati sono costretti alla sorveglianza "fai da te" senza poter essere presi in carico dal servizio sanitario. Negli ospedali umbri interi reparti stanno per essere chiusi, per l'ennesima riconversione Covid. E una struttura adeguata come l'ex Milizia viene trasformata in un ostello? Ci chiediamo cosa avrebbero detto e fatto i partiti di centrodestra, attuale maggioranza in Umbria, se fossero stati all'opposizione di fronte ad una simile gestione. Ma soprattutto, coloro che si riempiono la bocca parlando sempre di "visione" , quale futuro riservano ad una struttura che potrebbe essere riconvertita in un centro di ricerca in ottica Irccs o per altri progetti con l'Università e che viene invece adibita a dormitorio?»

© RIPRODUZIONE RISERVATA