Incidente sulla A1 a Orte. Italia divisa in due, a Orvieto caos viabilità pesante

Martedì 1 Dicembre 2020 di Monica Riccio

Mattinata complicata quella di martedì 1° dicembre nel tratto della Autostrada del Sole compreso tra i caselli di Orvieto e Orte chiuso per ore a causa di un incidente avvenuto in carreggiata sud. Erano da poco passare le 6 quando al km. 489, poco prima dell'auscita della A1 di Orte, in direzione della capitale, quando un mezzo pesante, per cause ancora in corso di accertamento, ha tamponato un autoarticolato fermo sulla corsia di emergenza.

Nell'impatto tra i due mezzi è rimasto lievemente ferito l'autista del camion che ha travolto l'altro. Sul posto immediato l'intervento della Polizia Stradale di Orvieto, dei sanitari del 118, dei Vigili del Fuoco di Orvieto impegnati in modo particolare nella messa in sicurezza dei veicolo tamponante che, alimentato a gnl (gas naturale liquido - metano), ha destato subito la massima preoccupazione tanto che è stato chiamato a intervenire anche lo speciale nucleo regionale dei Vigili del Fuoco Nbcr (Nucleare Biologico Chimico Radiologico) di Perugia. 

Oltre alle code, lunghe, che si sono formate subito dopo l'incidente, e alla traffico, specie pesante, da nord a sud Italia in pratica diviso in due, per poter eseguire i rilievi ma soprattutto per effettuare le operazioni di ripristino della percorribilità dopo che uno dei due mezzi, nell'impatto, ha riversato sulla carreggiata parte del proprio carico, ci sono volute molte ore ed è stato necessario chiudere il tratto, limitatamente alla viabilità verso sud. L'uscita obbligatoria a Orvieto, per i mezzi pesanti in arrivo dal nord, e la deviazioni degli stessi sulla viabilità ordinaria ha creato non pochi problemi, poiché per raggiungere Orte i vari tir hanno impegnato per tutta la mattinata la viabilità verso Todi (dove però vige ancora il divieto di transito per i mezzi superiori alle 3,5 tonnellate sul ponte di Corbara) e verso Castiglione in Teverina-Viterbo, in entrambi i casi andando a interessare la statale 205 Amerina e la strettoia dei Fori di Baschi.

Molti autotrasportatori, invece, hanno preferito attendere proprio a Orvieto Scalo, la riapertura della viabilità, sostando dove possibile prima di poter ripartire alla volta di Roma e del sud Italia. La situazione si è normalizzata intorno alle 13 circa quando la viabilità autostradale è stata ripristinata. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA