"In vecchiaia daranno ancora frutti", nella chiesa di San Lorenzo l'incontro della Comunità di Sant'Egidio

"In vecchiaia daranno ancora frutti", nella chiesa di San Lorenzo l'incontro della Comunità di Sant'Egidio
3 Minuti di Lettura
Martedì 8 Novembre 2022, 22:55

“In vecchiaia daranno ancora frutti”, è il titolo di un incontro organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio che si terrà questo mercoledì, 9 novembre, alle 17 presso la Chiesa di San Lorenzo a Terni.  Saranno ospitate  le testimonianze di persone che hanno donato tanto alla città e alla Chiesa.

Porterà il suo saluto il vescovo Francesco Antonio Soddu. Seguiranno i racconti sulla capacità di vivere la speranza di Daniela Borzomati, Stefania Parisi, Paolo Cicchini, Nicola Molè. Coordinerà: Maria Grazia Proietti geriatra e responsabile Comunità Sant’Egidio di Terni.


L’incontro è il prologo al ciclo “Noi avremo cura di te”, un cammino per non perdere la Speranza, soprattutto in questo tempo difficile e complicato per gli anziani, malati e fragili e per le loro famiglie. Questo percorso prevede una serie di incontri ed è rivolto a tutti coloro che vogliono ancora vivere la speranza, ma soprattutto a caregiver familiari e non, e si configura come opportunità di crescita culturale nell’ambito dell’aiuto e assistenza a soggetti fragili come gli anziani portatori di malattie neurologiche croniche ed invalidanti come la demenza.

"Gli anziani - ricorda Maria Grazia Proietti - durante la pandemia sono coloro che hanno sofferto di più . Più forte della malattia è stata la solitudine, l’assenza di un abbraccio, la visita di un famigliare, la malattia vissuta in solitudine e spesso anche la morte non ha avuto la presenza di un familiare, di una mano da stringere. Gli anziani oramai non sono una categoria, in Italia come in tutto il mondo, sono un ‘popolo’. Gli ultra 65enni oggi, in Italia, sono circa 14 milioni di persone. Molti, moltissimi di questi anziani sono in buona salute - prosegue Proietti - però potenziali vittime di due grandi malattie: la solitudine – quando intorno le persone care scompaiono – e l’indifferenza con cui la società percepisce gli anziani, come se fossero non solo inutili, addirittura un peso e quindi da scartare. La Comunità di S.Egidio - spiega ancora la geriatra - vuole ribaltare questa cultura dello scarto ed ha sempre coltivato un rapporto speciale con gli anziani: il servizio, la preghiera, l’accompagnamento nella malattia, la visita nelle residenze protette, sono stati i nostri servizi".

Secondo Maria Grazia Proietti: "in questo momento storico, con una pandemia che sta allentando la sua morsa, è necessario che gli anziani tornino protagonisti della loro vita, è necessario alimentare la speranza. Gli anziani in questo periodo risentono della vita in solitudine che hanno vissuto in questi due ultimi anni - conclude - e le loro malattie sono peggiorate, malattie come le demenza, la depressione, le famiglie spesso sono sole anche ad affrontare la malattia e la fragilità".
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA