In fuga dal “Tramonto”, preso a Spoleto
pericoloso latitante

In fuga dal “Tramonto”, preso a Spoleto pericoloso latitante
di Ilaria Bosi
2 Minuti di Lettura
Sabato 13 Giugno 2015, 20:34 - Ultimo aggiornamento: 20:35

SPOLETO In fuga dal «Tramonto», preso a Spoleto un trafficante internazionale di droga.

Si è conclusa nella città del Festival, dopo una fuga in Marocco, la latitanza di un 31enne nordafricano, destinatario di una delle sette ordinanze di custodia cautelare emesse da gip di Perugia tre mesi fa, nell’ambito dell’operazione “Tramonto” (condotta dai carabinieri del Nucleo Operativo di Terni), che sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Perugia ha consentito di recuperare più di cento chili di droga.

L’ALT

Il giovane (O.M.S. le iniziali del suo nome) è stato fermato dai carabinieri del Nucleo Operativo di Spoleto nel tratto della Flaminia che collega Terni alla città del Festival. Il suo atteggiamento nervoso ha insospettito i militari, che hanno effettuato un controllo più approfondito. I sospetti erano fondati. Il 31enne, che in tasca aveva circa 2mila euro in contanti, dalle verifiche effettuate negli uffici del comando di via dei Filosofi è risultato un latitante. All’epoca dell’esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare, era infatti scappato in Marocco e l’altra sera, quando i carabinieri guidati dal tenente Giulia Maggi lo hanno fermato, aveva appena rimesso piede in Italia. L’uomo, accusato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, è stato arrestato.

OPERAZIONE «TRAMONTO»

Risale al marzo scorso la conclusione dell’articolata attività d’indagine denominata “Tramonto”, condotta dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Terni. L’importante operazione aveva consentito di disarticolare un sodalizio criminale di assoluto spessore, costituito da numerosi soggetti ritenuti responsabili di aver costituito un’associazione per delinquere dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti: hashish e cocaina. La droga, proveniente dal Marocco, veniva portata in Italia dalla Spagna ed era in parte destinata anche al mercato locale. La brillante attività, diretta dal pubblico ministero Valentina Manuali, aveva consentito l’esecuzione di dieci arresti in flagranza, l’emissione di sette ordinanze di custodia cautelare e il recupero di più di cento chilogrammi di hashish. Il giovane scovato dai carabinieri di Spoleto, tre mesi fa era sfuggito alla cattura, ma ora dovrà rispondere di traffico internazionale di sostanze stupefacenti unitamente ai correi già tratti in arresto. Dagli accertamenti effettuati, il latitante catturato aveva appena fatto rientro in Italia dal Marocco, e portava con sé più di duemila euro in banconote da cinquanta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA