Il giallo dell'imprenditore scomparso in Albania
parla il testimone che ha scoperto l'auto bruciata

L'imprenditore Davide Pecorelli e le sua auto ritrovata bruciata
di Walter Rondoni
3 Minuti di Lettura
Lunedì 1 Febbraio 2021, 08:37

SAN GIUSTINO “Giallo Pecorelli”, spunta un testimone. Ma la situazione, se possibile, diventa ancora più ingarbugliata. Si tratta di un 53enne dal quale è partita la segnalazione dell'auto avvolta dal fuoco in un paese conosciuto con il nome di “White Hill”, Collina bianca, sulla strada Fushë-Arrëz-Gjegjan-Mirditë. La zona, ai confini tra Albania e Kosovo, è impervia e poco abitata, il traffico scarso. In più è una notte piovosa, di condizioni meteo avverse come può esserlo il gennaio in montagna. «Ho visto la macchina in fiamme, ho chiamato la polizia che poteva esserci qualcuno all'interno», ricorda. «La polizia di Rrëshen è venuta da me, successivamente si è collegata con la polizia di Puka», specifica. Stando al racconto la pattuglia sarebbe arrivata dopo una mezz'ora. Lunghi minuti durante i quali l'uomo, un contadino, plausibilmente cerca di rendersi conto della situazione, prova ad aiutare i passeggeri di quella “Skoda Fabia” noleggiata da Davide Pecorelli, ormai ridotta ad un ammasso di lamiere fumanti. «Durante la mia permanenza non ho avvertito nessun odore particolare tranne quello delle gomme del veicolo in fiamme», puntualizza al giornalista che raccoglie la dichiarazione. Il quale, a sua volta, annota: «Sorprende che chi ha denunciato l'incendio non abbia sentito il tipico odore di bruciato di un corpo umano nel momento in cui si trovava vicino al veicolo, che non è stato notato nemmeno dalla polizia che è arrivata vicino all'auto che stava bruciando». La medesima fonte riferisce che le indagini delle “tute blu” proseguono sulla pista dell'«evento accidentale, sfumato dal fatto che il 45enne non ha tentato di scendere». Mentre «dal posizionamento fuori strada dell'auto - aggiunge - cade la traccia di una possibile esplosione del veicolo, il che lascia il sospetto che fosse parcheggiato sull'orlo del precipizio» all'altezza di una curva “difficile”. «Gli investigatori albanesi - conclude - sono combattuti tra una morte accidentale, quella premeditata con determinate intenzioni, un tentativo di perdita di traccia da parte dell'imprenditore». Ipotesi tutte da verificare una volta identificate le ossa umane sottoposte all'esame del Dna nel laboratorio forense di Tirana. La traccia dovrebbe arrivare in giornata a Perugia per essere poi comparata con il profilo genetico del fratello dello scomparso. A quel momento la Procura della repubblica (procuratore generale Raffaele Cantone, pm Giuseppe Petrazzini) deciderà le mosse successive alla luce del fascicolo ha aperto nei giorni scorsi. Il 3 gennaio, alle 16,50, Davide Pecorelli sbarca all'aeroporto di Rinas. E' l'inizio di un viaggio, il quinto da settembre, durante il quale l'imprenditore altotiberino probabilmente conta di perfezionare alcune situazioni lavorative. A Valona gestisce un'attività insieme ad un socio del luogo, dicono che in agenda avesse un incontro da cui pensava di incassare diverse migliaia di euro. Forse una boccata d'ossigeno per fronteggiare le difficoltà delle sue parrucchierie tra Umbria e Toscana. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA