Il vino riempie il pozzo di San Patrizio, domenica la degustazione-evento per lanciare il nuovo spumante Orvieto Doc

Il pozzo di San Patrizio ospiterà una degustazione di vino
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Giugno 2019, 16:11

ORVIETO - L'acqua nel pozzo diventa vino. No, non è un miracolo ma la degustazione-evento che si terrà domenica prossima 16 giugno nel pozzo di San Patrizio per lanciare il nuovo spumante Orvieto Doc. I risultati della sperimentazione avviata nei mesi scorsi per realizzare il primo spumante "metodo Martinotti" con lo stesso uvaggio della denominazione dell'Orvieto Doc saranno infatti al centro del programma di "Benvenuto Orvieto diVino 2019", la manifestazione organizzata dal Consorzio di tutela vini di Orvieto. A guidare la degustazione davanti a una platea di oltre 40 giornalisti italiani ed esteri accreditati ci saranno l'enologo Mattia Vezzola e il giornalista Alberto Lupetti.

Ad inaugurare la giornata, alle 9, saranno il presidente della commissione agricoltura della Camera, Filippo Gallinella, il giornalista Rai e produttore di vino, Bruno Vespa, il presidente del Comitato nazionale vini del ministero delle Politiche agricole e del Turismo, Michele Zanardo, e il presidente degli enologi italiani e mondiali nonché presidente del comitato scientifico "Orvieto diVino", Riccardo Cotarella. Poi tutti giù - e sù - per le scale a spirale del pozzo di San Patrizio dove i visitatori avranno l'opportunità di assaggiare i prodotti di 22 cantine del terriotiro: Altarocca, Antinori-Castello della Sala, Argillae, Barberani, Bigi-Gruppo Italiano Vini, Castello di Corbara, La Carraia, Cardeto, Monrubio, Castel Noha, Castello di Montegiove, Custodi, Decugnano dei Barbi, Marchesi Antinori, Fratelli Martini, Mgm-Mondo del Vino, Rocca delle Macie, Ruffino, Tenuta di Freddano, Tenute Piccini, Tenuta di Salviano e Tenuta Le Velette. 

Alle 11, nel centro storico della città, si terrà la posa della formella celebrativa della prima edizione dell’evento e, a mezzogiorno, a Palazzo Coelli, presso la sala congressi della sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, la conclusione della giornata con gli interventi di Bruno Vespa, Giuseppe Cerasa, Daniele Cernilli e la presentazione del nuovo video promozionale del Consorzio Orvieto Doc realizzato dalla società Vetrya.

«Orvieto diVino già nel nome - scrive il professor Mario Morcellini nella presentazione dell'evento - è un manifesto intriso di valori immateriali, è un titolo pieno di citazioni e soprattutto un invito a valorizzare le connessioni. Combina la città, il territorio, il paesaggio e la nostra storia. Orvieto è una città unica, in cui si sono costruiti manufatti come il Duomo con le sue braccia protese verso il cielo e il pozzo di San Patrizio che scava alla ricerca dell'acqua nelle viscere della terra realizzando un secondo prodigio tra cielo e terra. In un contesto di questo genere abbiamo tutti l'obbligo di ricordare che "siamo Italia" e dunque capaci di meraviglia e bellezza». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA