Il Prefetto di Terni Emilio Dario Sensi
socio onorario del Kiwanis Club

Mercoledì 16 Settembre 2020 di Aurora Provantini

TERNI Il Prefetto di Terni Emilio Dario Sensi è diventato socio onorario del Kiwanis Club Terni. Il presidente dell’associazione Massimo Asciutti insieme al responsabile della divisione Umbro Sabina ha consegnato a Emilio Dario Sensi la targa di socio onorario illustrando il service a favore dei bambini e degli adolescenti di questo anno sociale che ha visto tante famiglie in difficoltà a seguito della pandemia.

La regola d'oro.  «Sempre nel rispetto della regola d’oro che suggerisce di fare agli altri tutto il bene che vorresti fosse fatto a te – spiega il presidente Asciutti -  grande rilevanza per il nostro territorio avrà il service divisionale “The maine of tomorrow”, poiché andrà a beneficio di tutti coloro che hanno subito un disagio da lockdown. Noi kiwaniani rivolgiamo la nostra attenzione agli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado, allontanati dal gruppo classe, dall’affetto e dal gioco con i propri compagni. Alle loro famiglie e agli insegnati.  Il Kiwanis Club fu fondato a Denver nel 1905.  Oggi è presente in 82 Paesi del mondo con oltre 600mila soci la cui mission si riassume nel motto "Serving the children of the world". «I nostri soci sono tutti animati da profondi valori, come l'amicizia e soprattutto lo spirito di solidarietà. Tutti noi siamo costantemente impegnati per migliorare la nostra società attraverso l’attuazione di iniziative sul territorio, con service distrettuali, divisionali e di club. Dal sostegno economico alle famiglie e alle strutture che si occupano dell’assistenza e cura di bambini disagiati e diversamente abili, fino a seminari informativi sul corretto utilizzo del web e le sue molteplici insidie, l’educazione alimentare e molto altro».
Il termine Kiwanis deriva dall’espressione degli indiani d’America “nun kee wan nis” che significa “conoscersi meglio e lavorare insieme”. “We build” cioè “noi costruiamo”, è il motto adottato dal Kiwanis Club, al quale si è di recente aggiunto quello di “serving the children of the world”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA