Idee Musicali a Castiglione: incontri
sorprendenti e ospiti d'eccezione

Idee Musicali a Castiglione: incontri sorprendenti e ospiti d'eccezione
di Michele Bellucci
3 Minuti di Lettura
Sabato 2 Febbraio 2019, 20:01

CASTIGLIONE DEL LAGO - Si intitola “Idee Musicali” ed è a tutti gli effetti il Festival più giovane dell’Umbria. Una rassegna con molte caratteristiche uniche, la cui seconda edizione è stata presentata giovedì alla Sala della Musica “Marchesini” di Castiglione del Lago, location che ospiterà i cinque eventi previsti, in altrettante domeniche, a partire dal 10 febbraio. «Il sottotitolo della rassegna è “Incontri” - hanno spiegato gli organizzatori Margherita Sanchini, Catherine Bruni e Damiano Babbini - per sottolineare la nostra intenzione di avvicinare musica, arte e teatro, ma anche musicisti, attori, studenti e pubblico». Un filo rosso che emerge chiaramente leggendo il programma degli eventi, con il primo che vedrà salire sul palco l’Umbriae sonorae ensemble, in un concerto dove sarà possibile attraversare epoche diverse; uno spettacolo dal titolo “Toccando Zefiro” con musiche di Bach, Mozart, Deutilleux e Gal, eseguite da Luciano Tristaino al flauto, Christian Schmitt all’oboe e Alessandra Gentile al pianoforte.

Ma l’incontro sarà anche tra artisti le cui vicende personali si intersecano dando luogo a interessanti connubi, come quelli tra le musiche scritte da Valentino Bucchi e le opere di Alberto Burri: il 17 febbraio il trio composto da Damiano Babbini, Catherine Bruni e Simone Nocchi, accompagnerà le parole di Anita Bucchi, la celebre coreografa figlia del compositore, le cui poesie verranno declamate dagli attori Nicola Cesarotti e David Berliocchi.
«Anche noi organizzatori saremo sul palco in alcune occasioni - spiegano Gli Insensati, l’associazione di promozione sociale che ha ideato la rassegna - non è facile far venire artisti di tale portata con un budget come il nostro, sebbene abbiano abbracciato il progetto e si accontenteranno di un rimborso». Al momento non ci sono sostegni economici, se non i contributi offerti da alcuni commercianti della città, ma la speranza è che in futuro “Idee Musicali” possa crescere ancora: «Abbiamo deciso di organizzare questa rassegna perché crediamo nel valore dell’arte, della cultura e della bellezza in senso lato - spiega Margherita Sanchini - ma anche perché sentiamo la responsabilità morale di provare nel nostro piccolo a gettare un seme di bellezza in più, per valorizzare un territorio pieno di risorse e potenzialità». 
A marzo altri appuntamenti notevoli, come quello di domenica 3 che vedrà il New Ensemble Xenia Turin dialogare in musica con il clarinettista Gabriele Mirabassi. Il 10 marzo omaggio a due degli artisti più influenti del ventesimo secolo, Pablo Picasso e Igor Stravinsky, con lo spettacolo “Le masque du soldat” che approfondirà il loro percorso analogo, nei rispettivi campi. Si chiuderà il 31 marzo con “Terre future”, in collaborazione con la Scuola di Musica del Trasimeno. Una chicca: saranno disponibili “biglietti plus” che prevedono oltre ai posti riservati anche un aperitivo con i musicisti protagonisti delle singole date. Per informazioni e prenotazioni insensati@yahoo.com o 339.1222159.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA