Gualdo Cattaneo, l'allerta del sindaco Valentini: «Attenzione c'è un pitone nascosto nel bosco»

Gualdo Cattaneo, l'allerta del sindaco Valentini: «Attenzione c'è un pitone nascosto nel bosco»
di GiovannI Camirri
3 Minuti di Lettura

GUALDO CATTANEO - Pantere, coccodrilli, il transito di orsi. In Umbria si segnala di tutto a ridosso di città o piccoli borghi. Ciò che però è accaduto nelle scorse ore a Gualdo Cattaneo, e nello specifico in località Grutti ha la prova fotografica. Durante una escursione uno dei partecipanti ha fotografato un grosso serpente su un albero che, già a prima vista appare essere non di specie autoctona. La notizia è stata confermata telefonicamente a Il Messaggero dal sindaco Enrico Valentini che sulla vicenda ha emanato un avviso alla popolazione. Si tratterebbe, stando alle prime valutazione di un pitone o di un boa. 2In località Grutti – si legge nell’avviso del sindaco – in una zona localizzata nei pressi dle Fosso casa Mancino – è stato localizzato, tramite foto effettuata durante una escursione, un rettile di origine non autoctona. Sono in corso accertamenti della locale Stazione dei Carabinieri e dei Carabinieri Forestali per approfondire la situazione. In attesa degli accertamenti da parte delle autorità preposte si prega di prestare la massima attenzione nelle escursioni nei pressi della località segnalata. Inc aso di avvistamento – conclude l’avviso – contattare immediatamente il 112”. Come spiegato dallo stesso primo cittadino l’avvistamento è avvenuto nel corso di una escursione ed a fotografare “l’intruso” è stato uno dei partecipanti. Come è facile immaginare i primi accertamenti hanno interessato, oltre che le verifiche sul posto, l’approfondimento sulla tipologia di rettile fotografato. Come detto si tratterebbe di un possibile esemplare di “constrictor” tipo boa o di un pitone. Come sia arrivato in quella zona, e soprattutto da dove venga, è tutto ancora da approfondire. Potrebbe trattarsi di un esemplare che in qualche modo è riuscito a fuggire al controllo dei proprietari? Si tratta di un serpente che qualcuno aveva in casa e del quale s’è disfatto? Chi lo aveva in gestione per qualche motivo non s’è ancora accorto della fuga di quel serpente? Per ora ovviamente soltanto ipotesi che potranno essere confermate o smentite dagli accertamenti avviati dai carabinieri. La foto dell’ “intruso” è stata pubblicata sulla pagina Facebook “Grutti Foto: memories, snapshots, life”. Non va poi dimenticato che, oltre alla prova data dalla foto, per capire con certezza di cosa si sia in presenza risulterà fondamentale individuare il serpente catturato dal fotogramma. L’invito dle sindaco Valentini a “prestare la massima attenzione” ha un duplice scopo: il primo è quello di garantire la sicurezza delle persone e l’altro, che va in parallelo, punta ad evitare facili allarmismi e a far operare gli specialisti dell’Arma. E proprio per questo in caso di un potenziale avvistamento va tassativamente chiamato il numero di emergenza 112.

Mercoledì 9 Giugno 2021, 10:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA