Green pass, un prof rimandato a casa. Denunciata una furbetta al concerto. Treni ok

Green pass, un prof rimandato a casa. Denunciata una furbetta al concerto. Treni ok
di Massimiliano Camilletti e Remo Gasperini
3 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Settembre 2021, 07:59

PERUGIA Primo disco rosso in una scuola di Perugia per un docente che si è presentato senza Green pass. È successo ieri mattina al controllo che, come in tutte le scuole, è stato effettuato all’ingresso: il professore, che doveva tenere un corso, si è presentato senza certificato verde non avendo fatto il vaccino, neanche la prima dose, né il tampone con esito negativo. Non risulta ci siano stati momenti di tensione, pur brontolando il docente è tornato a casa e ora deciderà come mettersi in regola. La normativa prevede che dopo quattro giorni di assenza ingiustificata, anche non continuativi, scatti la sanzione.
Nella stessa scuola è rientrato il caso di un secondo docente, cui non è stato concesso inizialmente il pass perché non risultava “verde” al controllo con il tablet che il personale della scuola effettua all’ingresso in attesa che entri in funzione l’applicazione ministeriale apposita per il controllo dei docenti. Si è trattato di un problema tecnico-burocratico della piattaforma che è stato risolto senza conseguenze per il professore.
Il docente che è stato fermato all’ingresso sembra sia stato, seppure segnalato con il rosso, la classica mosca bianca visto che la dirigente dell’Usr Antonella Iunti ha dichiarato all’Ansa: «L’introduzione del Green pass per accedere agli ambienti degli istituti scolastici umbri, al momento, non ha creato alcun problema. All’Ufficio scolastico regionale non è giunta alcuna segnalazione di criticità. «L’obiettivo di tutti – ha aggiunto - è garantire per l’intero anno scolastico le lezioni in presenza e ci stiamo adoperando perché i nostri alunni possano frequentare le lezioni all’interno delle proprie aule nella massima sicurezza».
DENUNCIATA AL CONCERTO
A proposito di Green pass. Tenta di entrare al concerto esibendo il certificato verde di un’altra persona ma viene scoperta dai poliziotti. Per questo una donna che ha cercato in questo modo di eludere il controllo è stata denunciata per il resto di sostituzione di persona. Il concerto in questione si è tenuto lunedì sera alla Lyrick summer Arena di Santa Maria degli Angeli nell’ambito della rassegna Assisi on live. Sul palco c’era Ariete, al secolo Arianna Del Giaccio, autrice e chitarrista classe 2002.
La donna si era già presentata all’ingresso per chiedere informazioni in quanto sprovvista di Green pass e le era stato detto di ritornare solo dopo aver acquisito in farmacia l’attestazione negativa di un tampone.
La donna però si è ripresentata poco dopo al varco di accesso alla platea mostrando sul suo telefono il Green pass all’addetto alla sicurezza. Particolare che non è sfuggito agli agenti di polizia che l’hanno riconosciuta. A quel punto hanno deciso di accertare la corrispondenza della certificazione esibita alla sua identità scoprendo che la certificazione verde era valida, ma riferita ad un’altra persona.
La donna, in evidente imbarazzo per esser stata scoperta, è stata accompagnata fuori dall’area del concerto e convocata il giorno dopo presso gli uffici del commissariato di Assisi per le formalità di rito. Col risultato di aver perso il concerto ed essersi presa una denuncia.
Dal 6 agosto il Green pass è diventato obbligatorio anche per poter assistere ai concerti o accedere in alcuni luoghi come piscine, palestre, bar e ristoranti. Chi viola l’obbligo di esibire la certificazione verde può incorrere in pesanti multe.
TRENI
Ieri prima giornata con il Green pass da esibire anche sui treni. Situazione tranquilla in tutte le stazioni dell’Umbria dove nascono o si fermano i treni a lunga percorrenza. A Perugia nessun problema per il Frecciarossa in partenza per Milano e Torino alle 5,20 da Fontivegge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA