Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lunedì sera al Teatro Morlacchi un
grande concerto con un'Orchestra
e due cori accanto al Maestro Allevi

Lunedì sera al Teatro Morlacchi un grande concerto con un'Orchestra e due cori accanto al Maestro Allevi
di Michele Bellucci
3 Minuti di Lettura
Domenica 15 Dicembre 2019, 16:17
PERUGIA - Domani, lunedì 16 dicembre, il Teatro Morlacchi di Perugia accoglierà la data umbra del tour “Hope Christmas” di Giovanni Allevi, per un’emozionante concerto che accompagnerà il pubblico nella tipica atmosfera del Natale (inizio alle 21.00). La data, inserita nel cartellone della stagione “Tourné” targata AUCMA e MEA Concerti, vedrà il compositore, direttore d’orchestra e pianista, affiancato da una grandiosa formazione; sul palco ci saranno infatti anche il Coro dell’Opera di Parma, l’Orchestra Sinfonica Italiana e il Coro dei Pueri Cantores della Cappella Musicale del Duomo di Milano. Un concerto imponente, capace di trasformare in musica la gioia e l’incanto delle feste natalizie, attraverso grandi capolavori della storia per coro e orchestra e alcuni inediti del Maestro.

Giovanni Allevi, che emozioni le dà avere accanto un coro mentre sta suonando?
In realtà, anche mentre suono il pianoforte oppure dirigo un'orchestra sinfonica, penso sempre al canto, ossia chiedo ai musicisti di cantare con il cuore, mentre suonano.

Quale messaggio intende lanciare al mondo scegliendo di portare sul palco un coro di voci bianche?
In un'epoca dove regnano il disincanto e il nichilismo, ho voluto riportare l'attenzione sulla purezza ed il candore, che non sono solo dei bambini, ma sono dimensioni celate dentro ognuno di noi.

Nel repertorio ha inserito grandi capolavori della storia per coro e orchestra, da Bach a Mozart a Händel. Secondo lei nella contemporaneità non si trovano composizioni con la stessa forza?
Certamente no, perché le esigenze commerciali, col tempo hanno appiattito ed uniformato la musica. Quindi è assai raro trovare delle isole di totale libertà di espressione e di coraggio artistico.

La scelta di utilizzare la batteria a cosa è dovuta?
Ho sentito che in "Oh happy day", per la prima volta dopo 11 album di studio, dovesse entrare la batteria. Questo delicato compito l'ho affidato ad un vecchio compagno di studi al conservatorio, un fantastico percussionista, che mi fu vicino quando ho vissuto da solo a Milano, da totale spiantato.

Con l’album Hope ha deciso di guardare verso il sacro, per coinvolgere l'ascoltatore in un'esperienza mistica. Questo dal vivo in cosa si trasforma?
Si trasforma in una potente esperienza di trance collettiva, in cui vedo gente piangere, o sentirsi improvvisamente compresa e sollevata. Io non sono una guida spirituale. Sono semplicemente uno di loro.

I brani di questo album sembrano un invito a guardare verso l'infinito. Dopo questa prima parte del tour le sembra che l’esperimento stia funzionando?
Forse sono riuscito ad interpretare una esigenza sotterranea di spiritualità, una sete di infinito e di bellezza che sembrava sopita o persa per sempre.
© RIPRODUZIONE RISERVATA