Gherardo Colombo incontra
quattrocento ragazzi a Terni:
«Serve una ragionevole
durata dei processi»

«Non è una cosa condivisibile che una persona possa restare sotto processo a vita, facciamo attenzione perché la ragionevole durata del processo con la prescrizione non c'entra nulla, sono due cose diverse»: così l'ex magistrato 
Gherardo Colombo ha commentato la riforma della prescrizione parlando con i giornalisti a Terni a margine dell'evento «Educare alla legalità e alla cittadinanza attiva». Per Colombo «si arriva a fare in modo che il processo duri ragionevolmente attraverso altre misure: una forte depenalizzazione, riempire gli organici di amministrativi e giudici, gli strumenti attraverso i quali amministrare la giustizia». Sempre a detta di Colombo, «l'incredibile durata dei processi, penali e civili, è un problema oggettivo». 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti