Fsp a congresso: "La pandemia ha inciso sul lavoro dei poliziotti impegnati a garantire la sicurezza"

Fsp a congresso: "La pandemia ha inciso sul lavoro dei poliziotti impegnati a garantire la sicurezza"
3 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Aprile 2022, 20:37

TERNI - "La pandemia ha reso sempre più difficili i rapporti tra le persone e il disagio sociale che ne è derivato ha richiesto ai tanti colleghi impegnati per strada un ulteriore impegno e una capacità di ascolto, di comprensione e di dialogo come mai nei  tempi passati. L’emergenza sanitaria ci ha anche costretto ad accettare le tante sfide tecnologiche  ed organizzative indispensabili per garantirci un nuovo modo di affrontare il lavoro e di essere al passo con i tempi".  

Il congresso regionale della Federazione sindacale di polizia è stata l'occasione per riflettere sulle conseguenze della pandemia sul lavoro quotidiano dei tanti agenti impegnati a garantire la sicurezza.

"La necessità di garantire la partecipazione di tutti i poliziotti alla trasformazione che la Polizia di Stato sta vivendo è uno degli obiettivi che la segreteria regionale dell’ Fsp si ripromette di perseguire, rivendicando un ruolo attivo nella progettazione dei mutamenti tecnico organizzativi, che possa, sempre con l’intento di perseguire il bene comune, tener conto delle esigenze delle donne e degli uomini in divisa.
I problemi dei colleghi - spiegano dall'Fsp - rimangono quelli di sempre. Il miglioramento degli ambienti di lavoro, potenziale aumento dei livelli di retribuzione, l’opportunità di percorsi di carriera che possano valorizzare le professionalità acquisite negli anni di servizio, una sempre maggiore tutela dei colleghi anche grazie all’adozione di strumenti professionali come il teser, per la quale questa organizzazione  si è da sempre battuta".

Sul tema dell'invecchiamento del personale "in Umbria, tra quest'anno e il 2023, lasceranno in lavoro cento unità ed è necessario garantire il massimo impegno per la continua assistenza ai colleghi".

Il congresso si è chiuso con la riconferma del segretario regionale, Francesco Petitti e del vicario Luca Benvenuti, e con l'ingresso di sindacalisti storici del sindacato, come Filippo Girella e Vittorio Mari. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA