Fornole, razzia alla scuola primaria. Rubati tutti i computer e la cassa
I ladri mangiano anche i cioccolatini degli alunni

Martedì 12 Gennaio 2021 di Francesca Tomassini

FORNOLE - Furto alla scuola primaria G. Mameli. Rubati cinque computer portatili, un proiettore e circa 250 euro in denaro. La brutta scoperta è stata fatta questa mattina intorno alle sette e trenta dalla collaboratrice scolastica che  per prima è entrata a scuola. "Quando sono arrivata - ha raccontato- ho notato un'anta a vetri del portone principale socchiusa. Lì per lì sono rimasta perplessa però non ho pensato subito al peggio. Invece, quando ho attraversato l'atrio, ho capito che c'era qualcosa che non andava". Alcuni locali soqquadro, forzata la porta dell'aula blindata, a terra il contenuto degli scaffali nell'aula insegnanti. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della compagnia di Amelia per effettuare i rilievi del caso. Secondo una prima ricostruzione, i ladri sarebbero entrati con effrazione dalla finestra dell'aula insegnanti e sarebbero poi usciti dal portone principale. "Hanno portato via tutto quello che può essere commerciabile -precisa una delle insegnanti- qualsiasi materiale rivendibile". Al furto si è aggiunto lo sfregio. "Questi signori -ha raccontato- si sono presi la libertà anche di bivaccare nell'atrio con le piccole cibarie che teniamo per i bambini". Bottiglie di succo di frutta abbandonate sui banchi, cartacce di cioccolatini per terra, pure qualche mozzicone di sigaretta. Per permettere lo svolgimento delle indagini e il ripristino dei luoghi, oggi per gli alunni niente scuola. La sospensione improvvisa delle lezioni ha causato più di qualche disagio. Nonostante il tam tam dei messaggi sia partito subito dopo la scoperta del furto infatti, tanti genitori che magari non avevano acceso il telefono di prima mattina, si sono comunque presentati davanti all'ingresso per lasciare i figli. Le lezioni riprenderanno regolarmente domani, oggi pomeriggio si provvederà alla sanificazione dei locali. L'unica buona  notizia è che grazie ad un imprevisto occorso ad una delle insegnanti, quest'ultima ieri non sia riuscita a passare a scuola per depositarvi circa 650 euro. "Sono i soldi -spiega- della vendite del libro del maestro Luciano (un ex insegnante della scuola in pensione ndr) che ha deciso di donare alla nostra scuola. Avrei dovuto passare ieri a lasciarli ma ho fatto tardi e ho rinunciato. Meno male". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA