Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rifiuti, prodotti alimentari e abusi edilizi:
la Forestale scopre 3 reati al giorno

Rifiuti, prodotti alimentari e abusi edilizi: la Forestale scopre 3 reati al giorno
3 Minuti di Lettura
Martedì 20 Gennaio 2015, 12:59 - Ultimo aggiornamento: 13:51

PERUGIA - Trentottomila controlli in tutta la regione, 800 reati accertati, multe per 2.5 milioni di euro: questi i dati generali dell'attività del corpo forestale dello stato, diretto in Umbria da Guido Conti e a livello provinciale da Paolo Lepore e Gaetano Palescandolo.

Discariche e rifiuti. Andando nello specifico, per quanto riguarda il contrasto alla gestione e smaltimento illecito dei rifiuti (delle ultime ore l'operazione che ha portato a indagare 86 persone per lo più residenti tra Deruta, Foligno e Todi) sono 125 i reati accertati cui si aggiungono 283 sanzioni amministrative per un importo di 700mila euro.

Inquinamento acque. Sotto il profilo del controllo degli impianti di depurazione delle acque reflue, la Forestale da maggio ha avviato una serie di controlli assieme all'Arpa su ottanta impianti di depurazione che hannp portato a 23 multe per un importo di circa 30mila euro cui si aggiungono tutti i verbali trasmessi alle Provincie. Tra le irregolarità contestate lo scarico di acque reflue urbane sul suolo senza autorizzazione o il superamento dei valori limite di emissioni previsti, oltre alla mancanza di tutta una serie di autorizzazioni.

Tutela del territorio. Il settore in cui probabilmente si è verificato un incremento di reati e situazioni pericolose per l'ambiente riguarda quello dei tagli boschivi e degli abusi edilizi. In totale sono stati elevati 800 verbali ai danni di 748 soggetti per importo complessivo di 800mila euro con un aumento del 115%. Si è trattato spesso di registrare la non corrispondenza tra la superficie autorizzata rispetto a quella tagliata, l'abbattimento di piante oltre il numero consentito, ma anche furti di legname e lavoratori non a norma. Sul versante abusi edilizi sono 135 le persone denunciate pari al 32% in più rispetto all'anno precedente.

Sicurezza agroalimentare. Controlli forti anche per quanto riguarda le attività commerciali: 25 reati di cui 13 per frode in commercio con 73 multe. Dal whisky "scotch" prodotto a Terni con prodotti indiani fino ai controlli sulla filiera dei tartufi, la Forestale ha svolto controlli mirati e che hanno portato a scoprire infrazioni di vario tipo. Controllati i 120 esercizi commerciali che vendono pesce in Umbria con 32 multe per 50mila euro complessivi. Controllati, su indicazione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Antonella De Miro, anche i market etnici a Perugia soprattutto in zona Fontivegge. Anche in questo caso, controlli assieme alla polizia, sono state accertate parecchie irregolarità che hanno portato a sequestrare 600 confezioni di cibo.

Maltrattamento animale. Azioni della Forestale importanti anche per quanto riguarda il maltrattamento degli animalei, con le 7 persone appartenenti a un'organizzazione clandestina che addestravano cani dogo argentino per combattimenti denunciate. Ma anche il contrasto all'utilizzo di collari elettronici. Sono stati sequestrati cinque collari e altrettanti cani.

Incendi in netto calo. Il dato positivo è il crollo degli incendi boschivi, anche grazie alle condizioni di un'estate 2014 particolarmente piovosa. Sono stati solo 7 gli incendi per una superficie totale di 2,8 ettari di cui solo 0,9 di bosco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA