Fontivegge, controlli degli immobili per vincere la guerra ai balordi: tre espulsi

Fontivegge, controlli degli immobili per vincere la guerra ai balordi: tre espulsi
di Egle Priolo
3 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Aprile 2022, 09:20

PERUGIA - Balordi, personaggi sospetti e inquietanti: le segnalazioni a Fontivegge di presenze sospette fanno stringere le rete dei controlli, per la gioia dei residenti e dei commercianti stanchi di doversi sempre guardare le spalle.

E negli ultimi giorni l'attività di controllo degli immobili, abbandonati o chiacchierati tra via del Macello, via Sicilia, via Campo di Marte, via del Lavoro e via Birago, dopo i tanti esposti e le denunce, ha consentito all'ufficio Sicurezza urbana e al reparto Decentramento Fontivegge della polizia locale di allontanare dal territorio nazionale un romeno, con numerosi precedenti, che non ha mai dimostrato di avere i requisiti per soggiornare regolarmente in Italia.
Inoltre, nel corso delle ultime attività di controllo straordinario del territorio svolte insieme al personale della questura, sempre riguardo alle verifiche sugli immobili, sono stati rintracciati due uomini di nazionalità nigeriana, clandestini, espulsi uno con accompagnamento alla frontiera e l'altro con ordine di allontanarsi nei termini consentiti dalla normativa sugli stranieri.
Nel corso del pattugliamento di Fontivegge, gli agenti della polizia locale hanno rintracciato una minorenne di origine rom, nota per un'indagine già disposta dal tribunale dei minori, che si è più volte allontanata dalla comunità educativa che la ospita. La ragazzina, poi, è stata trovata positiva al Covid e accompagnata in una struttura comunale deputata ad accogliere minorenni senza famiglia.
«Vorrei ringraziare i componenti della polizia locale di Perugia e di tutte le forze dell’ordine che operano nella nostra città – sottolinea l’assessore alla sicurezza Luca Merli - per l’attenta e scrupolosa attività che giornalmente mettono in campo per garantire la sicurezza dei cittadini. Anche in questi ultimi giorni l’impegno dei vari Corpi, in collaborazione tra loro, ha consentito di porre in essere alcune operazioni di contrasto alla criminalità e microcriminalità, confermando la loro costante attenzione per le problematiche del territorio».
L'ARRESTO
È stato invece arrestato dalla polizia, durante i controlli contro furti e spaccio, un uomo straniero di 29 anni, fermato mentre molestava gli utenti del parcheggio di via Ripa di Meana. A suo carico sono emersi numerosi precedenti per violenza sessuale e un arresto per furto, oltre a essere destinatatio di un provvedimento di allontanamento emesso la scorsa estate. Ora rischia fino a un anno di reclusione con accompagnamento immediato alla frontiera.
Fermato poi dalla squadra volante un 35enne di origini tunisine noto come spacciatore: addosso aveva dosi di hashish e denaro di cui non ha saputo giustificare il possesso. Dopo la notifica di due ordini di esecuzione di carcerazione con decreto di sospensione, è stato denunciato per detenzione di droga ai fini di spaccio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA