Foligno, su un treno a vapore arriva “Babbo Natale... al contrario”: non porta doni ma li raccoglie per i bambini più bisognosi

Martedì 10 Dicembre 2019 di Giovanni Camirri
FOLIGNO - In arrivo a Foligno sul treno a vapore un “ Babbo Natale… al contrario”. Non porta i doni, ma li riceve dai bambini per distribuirli ad altri meno fortunati · una fumante locomotiva d’epoca lo condurrà al binario 1 della stazione di Foligno, il pomeriggio di domenica 15 dicembre. Trenitalia Umbria e la Polizia Ferroviaria al fianco della Caritas di Foligno nella ormai tradizionale iniziativa benefica Un Babbo Natale sui generis, che aspetta i regali dagli altri invece di distribuirli. Per poi donarli ai bambini meno fortunati. E’ quello che anche quest’anno arriverà alla stazione di Foligno, domenica 15 dicembre, non a cavallo della sua proverbiale slitta trainata da renne, bensì a bordo di una altrettanto fascinosa locomotiva a vapore, fumante e sbuffante nella sua imponente e maestosa bellezza. Si chiama “Il Mantello di Babbo Natale – Il viaggio dei sogni di carità”, l’iniziativa a scopo benefico ideata dalla Caritas Diocesana di Foligno – giunta alla sua quarta edizione – per cui Trenitalia (Gruppo Fs Italiane) e la Polizia Ferroviaria di Foligno assicurano tradizionalmente il proprio contributo organizzativo. Allora tutti ad attenderlo, questo Babbo Natale… al contrario, che arriverà domenica 15 dicembre al binario 1 della stazione di Foligno – intorno alle 15.30 – e soprattutto tutti pronti ad inondarlo di regali, perché possa offrire un momento di felicità ai bambini bisognosi. L’appuntamento vuole rappresentare un momento di riflessione per educare le giovani generazioni al dono spontaneo verso i meno fortunati, requisito necessario per la creazione di una società che faccia della condivisione e della generosità incondizionata cifra del suo essere. Quest’anno anche Trenitalia contribuirà a riempire il sacco del vecchio barbuto della Caritas folignate. Saranno, infatti, offerti alla Caritas di Foligno sia gadgets sia alcuni viaggi omaggio per i treni regionali, da offrire a bambini che potrebbero non aver ancora avuto l’opportunità di provare il treno. A tale scopo, capitreno, macchinisti, personale di biglietterie e uffici hanno voluto contribuire con una piccola colletta all’iniziativa benefica. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma