Foligno, il quartiere cura le aiuole condivise: primo passo con la gente di Sportella Marini

Martedì 20 Ottobre 2020 di Giovanni Camirri

FOLIGNO - Rendere più accogliente e più sicura un’area pubblica utilizzata, da sempre e in questa fase nel rispetto delle norme anti covid, dalla gente del quartiere ed in particolare dai pensionati. E’ il senso dell’iniziativa, che rientra nel progetto Parco Diffuso, che s’è concretizzata ieri nel quartiere Sportella Marini. All’iniziativa, coordinata da Andrea Savini responsabile del progetto Parco Diffuso, è intervenuto anche l’assessore comunale Agostino Cetorelli, che ha ricordato il protocollo sottoscritto il mese scorso con il Comune, e, tra gli altri, i rappresentanti del Centro Sociale Sportella Marini e di altre realtà che hanno contributi al progetto stesso. Sono stati posizionati nuovi, e più sicuri tavoli in legno, panchine di nuova generazione, ed è stata piantata una nuova palizzata in legno che fa da recinzione. Il tutto con la preziosa collaborazione degli utenti di quello scampolo di verde da sempre punto di riferimento del quartiere che fruisce anche di molti altri spazi, non solo verdi. Il progetto “Parco Diffuso” coinvolge, ciascuna per le proprie competenze, 6  cooperative che sono: La Locomotiva, La Tenda, Centroservizi, Ariel, Dinamica, Dimensione. Il progetto realizzato ieri vede, come detto, il coinvolgimento del centro sociale che si occuperà della futura manutenzione delle dotazioni. Insieme al “Parco Diffuso” è anche attivo un Gas, un Gruppo di Acquisto Solidale, coordinato da Leonello Ortolani. Tante le iniziative in cantiere e tante quelle già attivate. Per fare qualche esempio la Locomotiva ha attivato un laboratorio di aiuto ai compiti pre e post allenamenti e attività ludico-sportive, riassunto nel progetto “Scuola in Rete”. Progetto rivolto ai ragazzi d’età compresa tra i 6 e i 10 anni , residenti nel quartiere di Sportella Marini e a tutti gli atleti iscritte alle associazioni sportive del quartiere. Passano alla Centroservizi sono stati attivati laboratori musicali mentre la Dinamica ha proposto l’iniziativa “Tranquillo rimani a casa tua” destinato ai soggetti della terza età che vivono situazioni di difficoltà o disagio. Sono poi stati attivati laboratori didattici e molto altro. Come detto in cantiere ci sono tantissime iniziative che man mano verranno presentate. L’iniziativa presentata ieri rientra nel tema “Aiuole condivise” per “promuovere il territorio come attore centrale nel sostenere la crescita dei cittadini in forte integrazione con il terzo settore e favorire forme di auto-organizzazione di singoli e famiglie, ovvero promuovere il territorio come spazio aperto e luogo di confronto, socializzazione e crescita. Con “Aiuole condivise” si vuole favorire la cura da parte di privati, anche riuniti in gruppo o associazioni, delle aiuole, del verde fronte casa, o di altri piccoli spazio di terreno di proprietà comunale così da recuperarle”.

Ultimo aggiornamento: 17:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA