Foligno, Oma: «L'innovazione premia con il patent box»

Lunedì 13 Luglio 2020 di Giovanni Camirri
FOLIGNO - “Oma Spa ha siglato con l’Agenzia delle Entrate – Direzione Regionale dell’Umbria l’accordo preventivo per la determinazione del contributo economico alla produzione del reddito d'impresa derivante dall'utilizzo dei beni immateriali per cui era stata esercitata l'opzione per il regime di tassazione agevolata, il cosiddetto "Patent Box", con riferimento agli anni di imposta 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020”. A renderlo noto è il presidente di Oma Umberto Nazzareno Tonti. Tale regime opzionale di agevolazione fiscale, introdotto dallo Stato Italiano con la Legge di stabilità del 2015, prevede l’esclusione dalla tassazione di una quota del reddito derivante dall’utilizzo diretto ed indiretto di beni immateriali quali brevetti, marchi, software, know-how e disegni e modelli. L’esenzione è pari al 40% per l’annualità 2016 ed al 50% per le annualità 2017, 2018, 2019 e 2020. “Il modello di calcolo – prosegue Tonti . condiviso con l’Agenzia delle Entrate – Direzione Regionale dell’Umbria per l’esercizio 2016 sarà utilizzato per la determinazione del beneficio fiscale per gli anni 2017, 2018 e 2019 che al momento è in corso di effettuazione mentre la quantificazione del beneficio relativo all’anno 2020 avverrà in sede di redazione del relativo Bilancio di Esercizio”. “L’azienda Oma ritiene – viene spiegato - di aver raggiunto un ulteriore riconoscimento derivante dal costante investimento in attività di ricerca e sviluppo quale differenziale necessario per prevalere su una concorrenza sempre più agguerrita. Il regime premiale, ottenuto attraverso il protocollo sottoscritto con L’Agenzia delle Entrate, conferma che la ricerca e sviluppo sono fondamentali componenti positive di reddito. Questo contesto crea nuova linfa e stimolo a proseguire su un percorso difficile, ma l’unico che può garantire un futuro”. Un importante obiettivo, quindi, quello raggiunto da Oma che spiega come innovando si ottengono risultati. Ma anche un traguardo che porta in alto tanto l’azienda quanto la città dove Oma ha da sempre la sua base. Facendo ricerca e sviluppo si può aggredire il mercato, ed oggi più che mai i mercati, dando sempre di più filo da torcere alla concorrenza su scala internazionale. Quello illustrato da Oma Spa è anche, va detto, un risultato che premia l’azione dell’azienda che riassume il lavoro di squadra che coinvolge i vertici, il managment e le maestranze. Un unicum che continua a spiegare come si può fare di più e meglio in un contesto internazionale in continua mutazione, stando al passo con i tempi. © RIPRODUZIONE RISERVATA