Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Foligno, addio a Massimo Costantini il popolare "Lu Costa"

Massimo Costantini, morto a 70 anni
di Giovanni Camirri
1 Minuto di Lettura
Giovedì 23 Giugno 2022, 13:21

FOLIGNO - Massimo Costantini, detto “Lu Costa” se ne è andato ieri a 70 anni. È stato una delle persone più legate alla storia popolare di Foligno dove ha vissuto da protagonista ogni pro e ogni contro con cui s’è misurato nella vita. In città lo ricordano per il suo legame profondissimo con via Garibaldi e per le diverse attività che ha creato non fermandosi mai come il Pub 3 Anelli o il ristorante Artisti Miei. Fu anche protagonista di una clamorosa protesta ai tempi in cui era sindaco di Foligno Rolando Stefanetti. Quella volta “Lu Costa” per far sentire la giustezza delle proprie ragioni se la prese con l’auto blu del primo cittadino. E poi un’altra protesta vibrata lo vide arrampicarsi sul palazzo comunale e chiese di parlare con i giornalisti. Poi divenne mago delle crepes prodotto che ha portato, con le sue farciture particolarissime un po’ ovunque seguendo il tema di “a scialà”, termine dialettale che vuol dire “sta bene”. Famosissima quella al cioccolato che veniva preparata prima cucinandola appoggiandosi ad una bancarella ambulante poi su un motocarro ape trasformato in piadineria mobile. È stato un personaggio a cui tutti, alla fine hanno voluto bene. I funerali si terranno oggi nella chiesa di Santa Maria in Campis alle 16.

© RIPRODUZIONE RISERVATA