Foligno, Luca Innocenzi all'assalto dell'Olimpo dei grandi della Giostra della Quintana

Foligno, Luca Innocenzi all'assalto dell'Olimpo dei grandi della Giostra della Quintana
di Giovanni Camirri
3 Minuti di Lettura
Martedì 10 Agosto 2021, 14:35

FOLIGNO - Luca Innocenzi assalta l’Olimpo della Giostra della Quintana. I numeri raccontano. E se il racconto è quello che ruota intorno a a super Luca i numeri sono da brivido. Perché le vittorie della Giostra della Quintana sono 9, con tanto di doppietta Sfida-Rivincita nel 2018, 6 delle quali vinte sempre, ultima compresa, in sella a Guitto. E poi c’è il record di pista con tanto di muro dei 52 secondi abbattuto – il responso cronometrico ufficiale è 51 secondi e 87 centesimi - che Innocenzi ha collezionato cancellando quello precedenti di 52.11 firmato sempre da lui in sella a guitto. E poi super Luca annovera nel medagliere tre vittorie di fila – Giostra della Solidarietà 2019, Sfida 2020, Sfida 2021 – così come hanno già fatto altri storici cavalieri di Giostra come: Paolo Giusti 1964, 1965, 1966 sempre in sella Draghetto per il Morlupo; Gianfranco Ricci per il rione Spada in sella sempre a Piccolo Fiore, Rinvincita 1984 e doppietta Sfida-Rivincita nel 1985; Paolo Margasini per il rione Croce Bianca doppietta 1988 in sella ad Ettore e Sfida 1989 su Bolero IV; Riccardo Conti - per l’Ammanniti Rivincita 2002 e doppietta 2003 sempre su Lady Mix. Meglio di tutti loro, Innocenzi compreso, ha fatto soltanto il mito Marcello Formica che di Quintane di fila ne ha vinte 5: , tutte per il Croce Bianca e sempre in sella a Piccolo nel 1954, 1955, 1956, 1957 (Quintana vinta a metà con Paolo Giusti del Contrastanga in sella a Rascel) e 1958. L’albo d’Oro dei cavalieri di Giostra ha al primo posto Paolo giusti e Marcello formica ciascuno con 12 Quintane vinte. A quota 11 c’è Paolo Margasini seguito a quota 9 da Daniele Scarponi e Luca Innocenzi. Quindi Massimo Gubbini 7, Fabio Cruciani, Riccardo Conti e Lorenzo Paci 6, Giancluca Chicchini 5, Gianfranco ricci 4 e Pierluigi Chicchini 2. Se poi questi numeri si aggiungono quelli dei distacchi tra tra il binomio del Cassero vincitore sabato della giostra della Sfida egli altri tre che hanno chiuso la Quintana a percorso netto c’è altro su cui ragionare. Luca Innocenzi e Guitto (Cassero) hanno chiuso la Giostra con un tempo totale di 2.39.10; il secondo posto è quello de La Mara con Mattia Zannori su Non Succederà Più (cavallo esordiente) con 2.44.09; terzo il Morlupo con Alessandro Candelori su Zingaro (cavallo esordiente) con 2.44.76; quarto posto per il Pugilli con Michelangelo Fondi su Edward England con 2.47.09. A conti fatti tra Cassero e Pugilli ci sono quasi 8 (7.99) secondi, poco più di 5 e mezzo tra il duo della torre Merlata e il Morlupo (5.66) e quasi 5 (4.99) tra il binomio vincitore e La Mora.

I RAID

A rovinare la festa, ma solo in parte, ci ha messo lo zampino il furto messo a segno nella notte tra domenica e lunedì ai danni dei locali del rione Cassero. Ad esser stato preso di mira il magazzino dove mani ignote, forse un paio di persone ma sul punto sono in corso verifiche, hanno forzato l’accesso all’area di deposito impossessandosi di prodotti alimentari, alcune decine di euro in monete e un pc. Un altro furto , con bottino da 3-4 euro, è stato messo a segno, a 15 giorni dal precedente raid di nuovo ai danni del negozio di fiori Isola verde in via Gentile da Foligno: “A meno di 15 giorni dalla volta scorsa sono entrati di nuovo all Isola Verde, stavolta di notte, hanno saccheggiato tutte le monete presenti nella cassa e messi in disordine i cassetti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA