Foligno, grazie al Centro Sociale sono nate otto nuove coppie di anziani: «Così combattiamo la solitudine»

Una coppia di anziani
di Giovanni Camirri
2 Minuti di Lettura
Giovedì 31 Ottobre 2019, 17:49

FOLIGNO - «La solitudine si combatte con la partecipazione e la condivisione. E condividendo le nostre attività si sono formate negli ultimi tempi almeno 8 coppie che hanno scelto insieme la vita a due avendo così una sola loro quotidianità sintesi delle rispettive esperienze». A palare del valore della condizione è Pietro Mercuri, vertice del CentroSociale Centro Storico di Foligno realtà da sempre in prima linea per le esigenze degli anziani. L’occasione l’ha offerta la presentazione del nuovo programma di attività sociale che prenderanno il via dal prossimo anno. Come da tradizione ad aprire l’elenco delle attività sarà la festa della Befana in occasione dell’epifania. «Non solo - ricorda Mercuri - momenti ricreativi, ma anche e soprattutto occasioni di approfondimento come il convegno sull’alimentazione e quello del ruolo dei nonni nella società moderna solo per citarne alcuni». Ci sarà anche un evento speciale per la Festa della Donna, per la Pasqua arrivando a gite e uscite culturali passando per il ballo, la “Festa dei Nonni” e tanto altro. In vista degli appuntamenti 2020 il 23 novembre prossimo il Centro Sociale Centro Storico ha promosso un’assemblea pubblica su “Intelligenza artificiale, gli effetti che ne derivano”. L’iniziativa sarà presentata da Mercuri. Ci saranno poi gli interventi del sindaco Stefano Zuccarini, di Claudio barbanera consigliere Nazionale Ancescao e di Roberto Segatori, sociologo e docente universitario. Per maggiori informazioni ci si può recare alla sede del Centro Sociale in via Oberdan 125 o si può chiamare il numero telefonico 0742/350753. «Sono diverse - quindi - le attività che mettiamo a disposizione degli anziani. Dalla ginnastica dolce fino al corso di trucco e a molto altro. E lo facciamo per creare una condizione di condivisione che ha dato e continua a dare una importante prospettiva a molti anziani. A Foligno ci sono 3.500 pensionati, tra uomini e donne, che vivono soli. e la solitudine è un problema enorme che va oltre le difficoltà economiche che spesso ci sono e riguardano molte persone. Lo spirito di gruppo e la condivisione sono uno degli elementi più importanti per superare la solitudine che, sempre più spesso, diventa isolamento. Ciò che facciamo è semplice: mettiamo a disposizione un contenitore per l’aggregazione. Un contenitore che, però, non basta più. Abbiamo problemi di spazi e sul punto abbiamo chiesto un incontro al sindaco e attendiamo - conclude - ancora di poterlo incontrare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA