Foligno, emergenza sangue l'Avis lancia l'appello per donare: «Vi aspettiamo anche domenica»

di Giovanni Camirri
FOLIGNO - “Dona il sangue”. E’ l’invito che Avis lancia da sempre per sostenere, in particolare nella fase estiva dell’anno, le necessità di sangue che spesso si trasformano, per carenze, in emergenza. Per dare un segnale importante basta seguire, tra gli altri, l’esempio che porta la firma dell’Avis Comunale di Foligno, guidata dal presidente Emanuele Frasconi. La campagna di sensibilizzazione, che Avis ha messo in campo con azioni massicce rivolte alla popolazione, vede una importante collaborazione col sistema sanitario regionale ed in particolare, in questo caso, con l’ospedale di Foligno. Domenica 15, infatti, ci sarà l’apertura straordinaria del Servizio Immunotrasfusionale di Foligno, che si trova al San Giovanni Battista, che sarà fruibile per le donazioni di sangue dalle 7.30 alle 10.30. Il manifesto attraverso il quale viene lanciato l’invito alla donazione è semplice, diretto e molto efficace. Ed in un passaggio recita: “Caro donatore, cara donatrice, a causa di una carenza di donazioni di sangue ti invitiamo a venire a donare in questa particolare occasione. Ti spettiamo. Domenica 15 luglio aperto, dona il sangue”. Un invito, quello lanciato dal sodalizio guidato dal presidente Frasconi, che continua a raccogliere risposte importanti tanto da singoli cittadini quanto da gruppi o associazioni. Ne sono un esempio le azioni di donazione effettuate da Innamorati del Centro, dai rioni Badia, Pugilli, dall’Ente Giostra della Quintana. Ma fortunatamente, nonostante c’è ancora molto da fare per contrastare l’emergenza sangue, non sono le uniche. Un ulteriore esempio di civiltà e di donazione incondizionata al prossimo viene dalla comunità mussulmana che domenica, proprio in occasione dell’apertura straordinaria, sarà presente con una propria delegazione al Servizio Immunotrasfusionale per donare sangue. «Si sopravvive di ciò che si riceve, ma si vive di ciò che si dona». Così, citando Jung, Frasconi, aveva introdotto nei mesi scorsi la presentazione della campagna Avis per la ricerca di nuovi donatori illustrata nella Sala rossa di Palazzo Trinci. «a gratuità - aveva sottolineato all’epoca frasconi - che contraddistingue il dono del sangue è l’elemento distintivo del nostro agire quotidiano. Il valore di Avis Foligno sta nel valore dei suoi 2600 donatori, attori silenziosi che quotidianamente porgono il loro braccio per un gesto insostituibile e che tutti insieme nell’anno 2017 hanno effettuato oltre 3900 donazioni. Il sangue è vita, è calore, è amore. Donare il sangue significa condividere una parte di sé non solo a parole ma con azioni concrete. Abbiamo bisogno però di nuovi donatori, di nuove forze giovani che prendano in mano le redini di tutti quei donatori che - aveva concluso -  non possono più donare».
Mercoled├Č 11 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:11

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP