Foligno, cento bambini dell'asilo e nove maestre realizzano il Presepe vivente

Sabato 15 Dicembre 2018 di Giovanni Camirri
FOLIGNO - Cento bambini tra i 3 e i 5 anni, 9 maestre, un Presepe Vivente. Pochi numeri, ma densissimi, per riassumere un progetto che coinvolge e impegna la Scuola dell’Infanzia Garibaldi, non a caso in via dei Mille, che fa parte dell’Istituto Comprensivo Foligno 1 guidato e coordinato dalla professoressa Rita Gentili. Nel progetto Presepe Vivente, il cui appuntamento finale è in programma per il 19, sono coinvolte quattro sezioni di piccoli alunni che a questo progetto, insieme alle insegnati Daniela Volpi, Pamela Raponi, Rita Azzarelli, Tina Mariano, Michela Benedetti, Annamaria Morrichini, Letizia Rimatori, Laura Vannozzi e Sandra Salvatori, hanno lavorato a sezioni aperte, quindi coralmente, con la sola suddivisione per fasce d’età. L’idea del Presepe Vivente, parte da lontano. Il percorso, che quest’anno viene realizzato per la prima volta, è tecnicamente un laboratorio continuo che coinvolge i piccolissimi “studenti” della Garibaldi e si snoda in un percorso  che, anche per garantire i giusti parametri di sicurezza, si articolerà in visite a gruppi di mamme papà nonne e familiari vari ben definiti, che seguiranno un percorso specialissimo. Il cammino verso la Natività inizierà in un viaggio fatto di scene, frutto del lavoro dei 100 bambini con la collaborazione delle insegnanti, dove si potranno rivivere i luoghi al tempo di Gesù. Ci sarà, infatti, la ricostruzione di alcuni mestieri come la falegnameria , l’osteria, l’area di sosta per i pastori con la produzione della polenta, la panetteria, la lavorazione della creta, le stoffe e la frutta solo per citare alcuni dei quadri che vedranno proprio i piccoli alunni protagonisti e attori principali della rievocazione. Un percorso che proseguirà, una volta lasciati i mestieri, attraverso il cielo  dove si affaccia la cometa con il percorso del Presepe che culminerà con la Natività. Il progetto che ha portato alla realizzazione del primo Presepe Vivente alla Garibaldi è fatto anche di laboratori. I bambini e le bambine tra i 3 e i 5 anni sono stato coinvolti anche nella realizzazione dei “lavoretti di Natale” prodotti nell’ottica del riciclo e riuso. Sono state utilizzate, ad esempio noci, pigne e porzioni di corteccia, cucchiai, barattoli di vetro e molto altro. Cosa ci è stato realizzato è una sorpresa che sarà svelata a completamento del percorso del Presepe Vivente. I gruppi che lo visiteranno, infatti, completeranno il percorso proprio arrivando all’esposizione dei lavoretti. Un bel progetto, quindi, quello proposto dalla scuola dell’infanzia Garibaldi soprattutto per l’ottica laboratoriale e il metodo “a sezioni aperte” che ha coinvolto 100 piccoli alunni. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il Campidoglio e la stanza dei dossier “rimandati”

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma