Foligno, arriva la “Fashion Week” tra eventi, mostre e conferenze

Martedì 19 Giugno 2018 di GiovannI Camirri
FOLIGNO - Si chiama “Fashion Week” ed è l’iniziativa che da oggi a sabato porterà per 4 giorni, dal 20 al 23 giugno  a Palazzo Trinci, la moda. Il tutto attraverso un vero e proprio evento ideato e organizzato da Michaela Candolfo. Si parte mercoledì  alle 17 nella Sala Conferenze di Palazzo Trinci con “Il mondo perduto del commercio delle pelli di Foligno e dintorni”, relatore Simone Chiacchierini, e a seguire, dalle 18 si parlerà di “Dalle fibre autartiche alle fibre tessili artificiali” con Glenda Giampaoli. Giovedì  sala conferenze Palazzo Trinci, Paola Tedeschi, dalle 17, parlerà di “Ricamo nell’Alta Moda”, mentre alle 17.45 Paola Candolfo interverrà su “Il ventaglio” e, dalle 18.30, Maria Luciana Buseghin si occuperà di “Storia e tradizione dei tessuti umbri”. Venerdì, dalle 21 nella Corte di Palazzo Trinci ci sarà la sfilata sotto le stelle, con nove stilisti in passerella. L’apertura sarà affidata al corpo di ballo “La Valigia dell’Artista” di Tiziana Filena e il gran finale sarà curato dalla cantante Raffaella Fugazza, dj Gian Marco Pierucci. Sabato 23 nuovo appuntamento nella Sala Conferenze del Trinci con la relazione curata da Claudio Cutuli che interverrà su “La tintura naturale”. Mercoledì, govedì e  sabato la Corte di Palazzo Trinci farà da sfondo, dalle 16 alle 19.30, alla “Mostra dei girelli a indossa”, Fondazione Annamode, mentre per tutte le giornale dell’evento L’Archivio di Stato di Foligno sarà aperto al pubblico dalle 8.30 alle 17.15 e sabato dalle 8.30 alle 13.30 per mostrare “Il percorso magico dell’ago  del filo tracciato dal tessuto. Un confine sottile tra moda e arte”. Il pubblico potrà visionare e ammirare 485 campioni di ricamo realizzati a mano, durante quasi mezzo secolo di attività, dalla ricamatrice Ersilia Savina Rodante, raffinata artigiana romana vissuta nell’ultima parte della sua vita a Foligno. Il suo percorso professionale l’ha portata a collaborare con grandi stilisti delle più raffinate case di alta moda romane, ma anche con celebri costumisti teatrali, cinematografici e televisivi. Il suo patrimonio è divenuto di proprietà dell’Archivio di Stato grazie alla donazione fatta dalla figlia Anna Maria Rodante. Tutto pronto, quindi, per vivere giornate diverse legate alla bellezza riassunta dalla moda nelle sue diverse declinazioni. Una occasione da non perdere per conoscere la città attraverso un evento che parte dal locale, guarda al regionale e al nazionale e punta ad uscire ben al al di fuori dei confini d’Italia.

Gio.Ca. © RIPRODUZIONE RISERVATA