Foligno, Andrea Paris e Andrea Bocelli insieme a Dublino tra grande musica e magia

Foligno, Andrea Paris e Andrea Bocelli insieme a Dublino tra grande musica e magia
di Giovanni Camirri
3 Minuti di Lettura
Sabato 1 Ottobre 2022, 18:14

FOLIGNO - “Un’idea si può trasformare in polvere o magia, a seconda di come il talento la strofina”. Per dirla con la citazione di William Bernbach il talento che s’è reciprocamente “strofinato”, dopo varie esibizioni insieme in Italia, è quello che ha visto Andrea Bocelli invitare il folignate Andrea Paris a Dublino. Uno scenario fuori da confini nazionali che premia, per così dire, la già prolifica e rodata collaborazione tra Bocelli e Paris nel segno della magia. Quella di Bocelli è la magia della musica e, soprattutto del canto, quella di Paris è la magia nel senso più vero dello stupore. In entrambe i casi il rapporto col pubblico è sempre essenziale. E lo prova il successo raccolto dalla ferrea e collaudata collaborazione in Italia tra i due artisti. Un collaborazione che funziona e che ora ha visto il maestro Bocelli invitare l’artista folignate a Dublino. Ed anche in questo caso è stato un successo magico. Perché la collaborazione ha trasformato un’idea in magia spiegando che il talento, o meglio i talenti, l’hanno strofinata dando corpo a quell’alchimia che è nata da una collaborazione professionale e s’è trasformata in un solido esempio di reciprocità artistica e personale. Quella di Andrea Paris è una storia tutta in salita. Nel 1997, all’età di 17 anni ha iniziato ad esibirsi per feste private locali e poi fuori zona per poi passare al teatro. E lo ha fatto sulla scorta di un punto fermo: ha sempre affermato, infatti, che “Il Mago è un Personaggio”, ed ha quindi deciso per un breve periodo di dedicarsi al teatro. Grazie a questi nuovi studi sul teatro, in breve tempo, Paris vince 20 premi nazionali come miglior attore caratterista e altri come attore protagonista. Successivamente inserendo sempre di più la parte dell’attore nei suoi spettacoli di magia, Paris inizia a lavorare al suo personaggio “Il prestigiattore”: un mago sì, ma che durante le sue esibizioni regala pezzi di teatro e meraviglia. Nel 2019 Paris partecipa a Italia’s Got talent. Dopo una serie di prove preliminari in tv giudicate da Claudio Bisio, Frank Matano, Mara Maionchi e Federica Pellegrini, si classifica secondo, grazie anche al televoto del pubblico da casa. Dopo questo risultato, la popolarità di Andrea Paris è ulteriormente aumentata e gli ha permesso di esibirsi in una serie di spettacoli anche fuori regione e all’estero. Il 28 novembre 2020 vince il talent show “Tu si que vales” (Settima Edizione), trasmesso in diretta in prima serata su Canale 5: i giudici erano Maria De Filippi, Gerry Scotti, Teo Mammuccari, Rudy Zerby e, Sabrina Ferilli nel ruolo di giudice della giuria popolare condotto da Belèn Rodriguez, Martin Castrogiovanni e Alessio Sakara. Da settembre 2020 a maggio 2021 è ospite fisso del programma televisivo sulla disabilità “O anche no” (Rai 2), condotto da Paola Severini Melograni, per oltre 40 puntate. Da settembre 2021 a novembre 2021 partecipa allo spettacolo comico “Honolulu”, in onda su Italia 1 condotto da Francesco Mandelli e Fatima Trotta. Il 29 dicembre 2021 è Special Guest al Festival Internazionale di Magia “Abracadabra”, al Teatro Ghione di Roma. Il 31 dicembre 2021 si esibisce al Galà di Capodanno di Enrico Brignano “Done 30… Let’s do 31”, tenutosi all’Auditorium della Conciliazione di Roma. E dopo molte altre “presenze” ora ha messo a frutto il rapporto professionale con Andrea Bocelli, col quale collabora, che l’ha voluto invitare a Dublino. Il tutto, ovviamente, senza dimenticare la storica collaborazione tra Paris e la Andrea Bocelli Foundation (Abf), realtà benefica che vede l’artista folignate collaborare a tutti gli eventi promossi dal sodalizio. Anche qui un a collaborazione più che meritoria quella tra Paris e Abf visto che le stessa fondazione ha da poco nominato Paris, insieme all’attore Salvatore Esposito suoi “advocate”, cioè sostenitori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA