Foligno, abbattuto di nuovo dopo un incidente il muretto di via Pietro Gori. E la rete si scatena a colpi di meme e pagine dedicate

Foligno, abbattuto di nuovo dopo un incidente il muretto di via Pietro Gori. E la rete si scatena a colpi di meme e pagine dedicate
di Giovanni Camirri
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Gennaio 2022, 10:10

FOLIGNO - Ennesimo incidente all’incrocio tra via Pietro Gori e via Cave Ardeatine. Ed ennesimo abbattimento del muro perimetrale condominiale. La struttura di recinzione negli anni ha patito più volte le conseguenze degli incidente a carico di quel crocevia, peraltro servito da semaforo, arrivando anche a “meritarsi” una pagina Facebook che si chiama “Foligno - Muretto tra Via Pietro Gori e Via delle Cave Ardeatine”. A spiegare il senso di quella presenza sociale sono le informazioni stesse della pagina: “Archivio degli incidenti del muretto più sfondato della città”. Solo per capire la cadenza di abbattimenti e rinascite vale l’elenco di date pubblicate: “09/01/2022; 19/03/2021; 22/02/2019”. Domenica, dopo le 21, l’ultimo incidente con annesso abbattimento del muretto. E in rete, in relazioni alle sorti del protagonista della pagina Facebook s’è scatenata l’ironia. C’è chi propone “un vitalizio per il muratore di via Pietro Gori” avviando, sempre scherzosamente, una raccolta di considerazioni sul tema e chi grida all’ “eccezionale scoperta archeologica a Foligno. Trovate tracce di un altro muretto antico sotto il muretto di via Pietro Gori”. E ancora: “Ci sono poche certezze nella vita. Il muretto sfondato di Via Pietro Gori è una cosa su cui puoi sempre fare affidamento”. Ad accrescere l’attenzione cittadina sulla recinzione periodicamente abbattuta è Segnalazioni Foligno-La Pagina dove ier si annunciava che: “ Da oggi in poi Segnalazioni Foligno terrà il conto del numero dei giorni dall’ultimo abbattimento dello sfortunato “muretto de via Pietro Gori” lanciando anche l’hashtag #MurettoDiViaPietroGori. Nell’aprile 2021 sempre via Facebook un utente aveva scritto: “Una prova tangibile del ritorno alla normalità a Foligno è il muretto di Via Pietro Gori di nuovo sfondato , è un classico oramai , non so chi abiti nella finestra vicinissima ma credo che debba scrivere un libro sul muretto , oramai l’unica soluzione rimasta è di nominarlo patrimonio mondiale unesco .…” Le notizie più “antiche” in rete segnalano anche incidente con abbattimento del 2011 e poi nel 2014 si poteva leggere via social “sei di Foligno se... almeno una volta passando per via Pietro Gori hai visto il mitico muretto scarcato!!”. La goliardia anche questa volta ha la funzione di porre l’attenzione su una problematica che riguarda una zona densamente popolata, altamente frequentata e dove si registra una importante presenza di pedoni e ciclisti. Il tutto senza entrare nei meandri delle cause dei vari incidenti la cui ricostruzione e il conseguente accertamento di responsabilità compete esclusivamente alle forze dell’ordine di volta in volta intervenute. La questione su cui in quel tratto di viabilità cittadina, così come in altri “punti caldi” della città, è quella di ragionare su interventi che amplifichino la sicurezza stradale. Quali? Ad ognuno le sue competenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA