Fermato dalla polizia il super ladro seriale che ha saccheggiato i negozi del centro storico di Foligno

Fermato dalla polizia il super ladro seriale che ha saccheggiato i negozi del centro storico di Foligno
di Giovanni Camirri
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Ottobre 2021, 07:34

FOLIGNO – In carcere il super ladro seriale che ha preso di mira le attività commerciali di Foligno. La polizia di stato ha eseguito la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di un 50enne italiano. All’uomo vengono contestati numerosi furti all’interno di attività commerciali, nonché episodi di ricettazione, di indebito utilizzo di carte di credito rubate e plurime violazioni della misura di prevenzione della sorveglianza speciale. Nella mattinata del 4 ottobre, personale in forza al Commissariato di Ps di Foligno guidato dal vicequestore Adriano Felici, ha dato esecuzione ad un’ordinanza - emessa dal Gip del Tribunale di Spoleto - applicativa della misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di un 50enne italiano, già pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e gravitante da anni a Foligno e nei centri limitrofi. Le indagini a suo carico svolte dagli Agenti a decorrere da di agosto hanno avuto ad oggetto tre furti consumati e tre furti tentati all’interno di esercizi commerciali, nonché due episodi di ricettazione ed altrettanti di indebito utilizzo di carte di credito rubate. Con la sola eccezione di un furto commesso a luglio, tutti i suddetti fatti delittuosi risalgono allo scorso mese di agosto ed hanno interessato, in massima parte, negozi ubicati nel cuore del centro storico folignate. Dalle indagini è peraltro emerso che il reo, nel commettere i reati, violava sistematicamente la misura di prevenzione della sorveglianza speciale alla quale era sottoposto. Anche per questo, all’esito dell’attività investigativa che è stata costantemente coordinata dalla Procura della Repubblica presso di Spoleto, il Gip ha disposto l’applicazione della misura della custodia cautelare in carcere nei confronti dell’indagato.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA