La Consulta conferma l'elezione della senatrice Pavanelli (M5s)

Venerdì 8 Maggio 2020
L'aula di palazzo Madama
ROMA - È stato dichiarato inammissibile dalla Consulta il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato sollevato dal senatore Gregorio De Falco contro la proclamazione a senatrice, nella seduta del 31 luglio 2019 dell'Assemblea del Senato, di Emma Pavanelli, candidata nelle liste M5s della Regione Umbria, con l'assegnazione del seggio non attribuito nella Regione Siciliana a causa «dell'incapienza
di candidati nella lista M5s». Tra i motivi per i quali De Falco ha contestato l'attribuzione del seggio siciliano alla candidata umbra Pavanelli, la tesi che in questo modo si sarebbe «alterato il rapporto tra popolazione e numero dei senatori (avendo l' Umbria già beneficiato del numero minimo di 7 senatori)». La decisione della Corte Costituzionale, la numero 86 del 2020, è stata depositata oggi. Ultimo aggiornamento: 10:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani