L'economia umbra va col freno a mano tirato

Mercoledì 20 Novembre 2019
Operai al lavoro
PERUGIA - «L'economia regionale torna a muoversi con il freno a mano tirato». È questa l'immagine che emerge dall'ultimo rapporto dell'Ires Cgil sull'Umbria, presentato oggi all'interno dell'assemblea generale del sindacato, che si è tenuta a Foligno, alla presenza della segretaria nazionale Cgil, Ivana Galli.
La domanda interna da un lato evidenzia una crescita molto lenta nella componente dei consumi (+0,5%) mentre gli investimenti sembrerebbero in discreta tenuta (+2,6%) pur dovendo coprire un differenziale pre-crisi ancora ampio in termini negativi. Le esportazioni dovrebbero rallentare (da +6,9% a +2%), mentre aumentano le importazioni (+3,5%).  «La crescita zero umbra - spiega Marco Batazzi, di Ires Cgil Toscana, curatore del rapporto - può̀ essere spiegata in base ad un puzzle composito e articolato di fattori in cui oltre all'export negativo e alla moderazione dei consumi, occorre considerare anche il ruolo rilevante del contributo negativo generato dalla variazione delle scorte, effetto del decumulo portato avanti da parte delle imprese, come reazione all'attuale fase di incertezza caratterizzante il ciclo economico». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma