È nato in Umbria il primo gruppo d’Italia di Protezione Civile composto da Adulti Scout

È nato in Umbria il primo gruppo d’Italia di Protezione Civile composto da Adulti Scout
di Giovanni Camirri
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 19 Gennaio 2022, 13:00

FOLIGNO - Si chiama “Associazione Adulti Scout Protezione Civile Umbria” ed è il primo gruppo del genere a nascere in Italia per operare nel sistema di supporto alle emergenze. E non poteva che fare la sua prima uscita ufficiale a Foligno dove ha sede il Centro regionale di Protezione Civile. L’occasione l’ha offerta il fatto che il neonato sodalizio s’è presentato all’assessore regionale alla Protezione Civile Enrico Melasecche. In rappresentanza Associazione Adulti Scout Protezione Civile Umbria sono intervenuti il presidente Renzo Angeli, il vicepresidente e responsabile operativo Pier Francesco Pinna, l’amministratore Mario Toseroni e la consigliera nazionale del Masci, il Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani, Tiziana Bartolini. A accoglierli, insieme all’assessore regionale Melasecche c’erano Stefania Tibaldi dirigente del Servizio Protezione Civile della Regione Umbria e Francesco Lucaroni del settore che si occupa del volontariato. “Dopo anni di impegno – ha sottolineato il presidente Angeli – siamo riusciti a dar forma a qualcosa che manca ma che di fatto s’è da sempre. Come scout, che si tratti di Masci o Agesci, interveniamo sempre, attraverso le nostre diverse articolazioni, in situazione di emergenza. Ora però, grazie alla definizione di di questa nostra associazione, abbiamo preso la forma del Terzo Settore e siamo entrati nel sistema di Protezione Civile. Il nostro obiettivo è quello di andarci ad occupare, come adulti scout, di bambini, ragazzi ed anziani. Ad oggi contiamo, come realtà regionale, su una forza di venti componenti e siamo pronti a crescere. Siamo la prima comunità Masci regionale in Italia che ha avviato – conclude - questa importante esperienza. Oggi siamo Protezione Civile”. “L’obiettivo è intervenire - ha commentata il vicepresidente Pinna – nell’ambito dell’assistenza alla popolazione andando ad agire in autonomia operativa in un segmento di supporto e sostegno che non si accavalla con nessuno o duplica altri servizi già esistenti”. “Questo vostro impegno – ha commentato l’assessore regionale Melasecche – è segno di una chiara volontà di partecipazione al progetto generale in favore della comunità regionale di coesione riassunto anche nella Protezione Civile. E questo è importante perché permettere di crescere col contributo di tutti attraverso, come in questo caso, l’impegno del volontariato”. E il volontariato espresso dall’“Associazione Adulti Scout Protezione Civile Umbria” riassumerà alti livelli di formazione e un capacità operativa e organizzativa già testata nel tempo grazie all’esperienza maturata in decenni di via Scout.

© RIPRODUZIONE RISERVATA