De Ficchy: «Concorsopoli andrà fino in fondo»

Sabato 1 Giugno 2019
Luigi De Ficchy
PERUGIA - Una Procura in grado di affrontare sfide importanti, grazie «a colleghi di altissimo livello» e a una divisione in gruppi di lavoro che ha portato una forte specializzazione. Una Procura però che, visti i tanti carichi di lavoro e la competenza a esercitare l’azione penale nei confronti dei magistrati romani (come proprio in queste ore per il caso Palamara) va rinforzata a livello numerico e logistico. Una Procura che, infine, non mollerà la presa sull’inchiesta delle inchieste: «Concorsopoli andrà fino in fondo».

Questi, i pensieri affidati al Messaggero dal procuratore capo Luigi De Ficchy nel suo ultimo giorno di lavoro negli uffici di via Fiorenzo Di Lorenzo. Da oggi sarà in pensione, ma la verve è quella ancora di chi si sente in trincea.

Leggi l'intervista integrale su Il Messaggero oggi in edicola e online su Il Messaggero digital © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani