Daspo di 5 anni a un 45enne ternano per insulti razzisti a un giornalista dopo Milan-Napoli

Daspo di 5 anni a un 45enne ternano per insulti razzisti a un giornalista dopo Milan-Napoli
di Lorenzo Pulcioni
2 Minuti di Lettura
Sabato 24 Settembre 2022, 12:48 - Ultimo aggiornamento: 12:53

Daspo di 5 anni valido anche all'estero per un 45enne ternano che al termine di Milan-Napoli ha rivolto insulti razzisti a un giornalista partenopeo che stava effettuando le interviste in diretta tv all'esterno dello stadio di San Siro. È il provvedimento del questore di Milano, Giuseppe Petronzi, e nella motivazione si parla di condotta violenta e minacciosa.

Il ternano, tifoso milanista, lo scorso 18 settembre al termine di Milan-Napoli vinta 2-1 dalla squadra di Spalletti, aveva proferito espressioni ingiuriose di natura discriminatoria a sfondo razziale verso un giornalista di Calcio Napoli 24 TV, impegnato in quel momento in alcune interviste in diretta. L'uomo era stato avvicinato dal giornalista per alcune domande e lo aveva insultato con ingiurie di matrice territoriale «terrone di m…» facendogli interrompere il collegamento con modi minacciosi. L'aggressore, denunciato per violenza privata aggravata dalla discriminazione razziale, etnica o religiosa, ha ricevuto un Daspo esteso alle partite disputate all'estero dalle squadre italiane e dalla Nazionale.

Il giornalista di CalcioNapoli24, Marco Lombardi, ha provato ad allontanarsi ma senza fortuna, vista l'insistenza del tifoso milanista che dalla delusione per la sconfitta è passato alle ingiurie e alle minacce. Subito dopo la chiusura del collegamento dall'esterno dello stadio di San Siro, la redazione della testata napoletana ha subito fatto sapere, a nome del direttore Salvio Passante, che avrebbe denunciato l'accaduto in tutte le sedi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA