Spoleto, funerali vietati: «In chiesa solo senza il caro estinto»

Il cimitero monumentale di Spoleto
di Ilaria Bosi
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Dicembre 2020, 10:30 - Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre, 19:21

SPOLETO - «No ai funerali in chiesa, sì alle celebrazioni eucaristiche di suffragio nei giorni a seguire». Se l’Archidiocesi di Spoleto e Norcia è stata finora l’unica in Umbria a dettare nuove restrizioni per i funerali, impedendone di fatto il consueto svolgimento, c’è chi punta l’indice contro quella che, a prima vista, potrebbe sembrare un’incongruenza. Sì, perché se non è consentito celebrare la funzione in chiesa con la presenza del feretro, dal giorno seguente è invece possibile dedicare una messa in ricordo del defunto, annunciando l’appuntamento sui manifesti funebri.

LA DECISIONE

Un passo indietro è d’obbligo. Dal 9 novembre scorso, l’arcivescovo Renato Boccardo, che è anche presidente della Conferenza Episcopale Umbra, ha messo nero su bianco alcune nuove disposizioni, dettate – come è specificato nell’annuncio – dall’aggravarsi dell’emergenza sanitaria. Disposizione perentoria e articolata che, sul punto dei funerali, recita: «Fin quando non verrà comunicato diversamente, su tutto il territorio diocesano i funerali si tengano unicamente al cimitero, in un’area aperta, seguendo quanto previsto dal cap. IV del Rito delle Esequie (pp. 129-139). Nelle epigrafi si chieda di specificare: “La partecipazione alle Esequie è riservata ai soli famigliari”. Raccomando a tutti i Sacerdoti di porre la massima cura nel predisporre questo momento di preghiera, annunciando sempre la speranza pasquale e prevedendo una celebrazione eucaristica di suffragio appena le condizioni lo permetteranno».

IL MOTIVO

Perché? Non solo per l’aggravarsi dell’emergenza sanitaria, a quanto pare. A dettare la decisione dell’arcivescovo sarebbe stato anche il pressing crescente di diversi sacerdoti, in difficoltà nella gestione degli ingressi in chiesa, contingentati per via delle prescrizioni sanitarie. «Le chiese – è stato chiarito – dispongono di un numero limitato di posti, espressamente indicato all’esterno, ma che non sempre risponde puntualmente all’esigenza del momento. Non tutte le parrocchie, poi, dispongono di un’organizzazione adeguata, soprattutto a livello logistico, per far rispettare le regole ed evitare che si creino assembramenti».

PRETI ANTIASSEMBRAMENTO

I preti, insomma, in questi mesi si sarebbero ritrovati più volte costretti a vestire gli improbabili panni di pastori anti-assembramento, ruolo decisamente scomodo, soprattutto in situazioni di particolare fragilità emotiva come i funerali. Quella dell’ultimo addio, del resto, è generalmente la celebrazione religiosa più partecipata e dover stabilire chi abbia più o meno diritto a entrare in chiesa rappresentava un elemento di imbarazzo. Un’incombenza, peraltro, impossibile da demandare ai familiari, vista la delicatezza del momento.

Parroco multato, celebrava funerale con 13 persone in chiesa distanziate tra loro, la diocesi lo rimprovera

LE REGOLE

Una riflessione è d’obbligo: se i partecipanti, in questi mesi, fossero stati capaci di autoregolamentarsi o, più banalmente, di rispettare le regole, evitando assembramenti e indossando le mascherine, sarebbe stato necessario arrivare a tanto? Forse no.  Il naturale abbassamento delle temperature, poi, ha ulteriormente limitato la possibilità di celebrare il funerale, laddove possibile, all’aperto: «Disposizione più che necessaria», ribadiscono dalla Curia.

IL DUBBIO

Ad alcuni resta però il dubbio: «Teoricamente, non si potrebbero creare gli stessi assembramenti di un funerale all’indomani, quando è nota la celebrazione di una messa di suffragio?». Per i religiosi la differenza è sostanziale: «l’assenza del feretro in chiesa dosa decisamente la partecipazione». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA