Covid in Umbria, giorni decisivi per limitare il virus. Ricoveri in calo e incidenza stabile da tre giorni

Covid in Umbria, giorni decisivi per limitare il virus. Ricoveri in calo e incidenza stabile da tre giorni
di Fabio Nucci
3 Minuti di Lettura
Martedì 25 Gennaio 2022, 07:12

PERUGIA Con la curva epidemica che tende a scendere, la sfida è ora tenere sotto controllo i nuovi contagi anche alla luce dei dati ospedalieri che sembrano consolidare un trend discendente. A partire da quel 6,3% di occupazione delle terapie intensive, dato che trattiene l’Umbria in fascia bianca, insieme a Molise e Basilicata. «Ma la settimana prossima sarà decisiva per capire come la situazione evolverà il prossimo mese», sostiene Luca Gammaitoni, fisico sperimentale dell’Università degli studi di Perugia che con i suoi modelli matematici sta seguendo l’evolversi dell’epidemia nella regione.
Il bollettino aggiornato a lunedì mattina indica 787 nuovi positivi scoperti domenica a fronte di 6.521 tamponi, con un tasso di positività del 12,1% in linea col dato degli ultimi giorni e con la media mobile settimanale al 12,8%. Continua a scendere però il numero di test: nell’ultima settimana ne sono stati fatti 109.136, 14.520 in meno rispetto alla precedente (-11,7%), con un calo maggiore che riguarda i molecolari, il cui tasso di positività è ripreso a salire, dal 9,5 al 10,4% nelle ultime due settimane. «Una tendenza fisiologica – ha spiegato l’epidemiologa Carla Bietta – essendo eseguiti da strutture pubbliche su persone che nella maggior parte dei casi presentano dei sintomi».
Dati confortanti sul versante ospedaliero con un ricovero ordinario in meno, 191 ora il totale, e dati delle intensive stabili, con otto degenti e il 6,3% di saturazione dei posti letto. Scendono inoltre di 36 unità, a quota 24.899, gli attualmente positivi che considerano anche il caso letale segnalato domenica, il trentaduesimo nell’ultima settimana. Praticamente stabile a 1.623 l’incidenza settimanale per 100mila abitanti, con la media mobile che si attesta sui duemila casi medi giornalieri. «Questa appena iniziata sarà una settimana cruciale per interpretare l'andamento dell’epidemia nella regione», osserva Gammaitoni con riferimento ai suoi modelli matematici. «Le curve stanno evolvendo e siamo un po' più avanti rispetto alla media nazionale», aggiunge parlando con Ansa. «Abbiamo osservato un sostanzioso calo dei positivi, il raggiungimento del massimo e il conseguente calo delle ospedalizzazioni. In questa settimana sarà importante tenere sotto controllo la curva del numero dei nuovi contagi giornalieri. È infatti quella che definisce la tendenza per il prossimo mese. Se si consolida il calo, allora entro fine febbraio saremo ai numeri di novembre e potremmo guardare alla primavera come all’uscita dall’epidemia. Se, invece, la curva dovesse rallentare molto o, il cielo non voglia, aumentare, allora dovremo attendere un periodo più lungo».
LA PROFILASSI
Sull’altro versante, va vanti la campagna vaccinale che nel fine settimana ha portato all’inoculazione di quasi 15mila dosi, 13mila delle quali booster che ora coprono il 66,8% della popolazione immunizzata con ciclo primario (468mila il totale considerando tutte le dosi addizionali). In due giorni, si contano inoltre altri 1.200 nuovi vaccinati, la metà circa di età pediatrica, fascia nella quale il 26,3% ha ricevuto la prima dose, il 7,7% anche il richiamo. In calo i nuovi vaccinati tra gli over 50, 1.321 nell’ultima settimana, l’8,7% in meno. Ma tra gli over 12 i no vax ora sono poco più di 70mila, la quota maggiore (15mila circa) nella fascia 40-49 anni, 12.500 in quella 50-59 e 10.900 tra i trentenni. Nella classe 12-19 anni, la copertura con prima dose ha raggiunto l’81,5% della platea, il 77% della quale ha chiuso il ciclo primario, mentre il 15% ha ricevuto anche la copertura booster.

© RIPRODUZIONE RISERVATA