Incubo Omicron, ingegnere folignate bloccato in Sudafrica:«Lavoro a Dubai, l'Italia non mi fa rientrare perché vivo all'estero»

Fabio De Gaetano bloccato in Sudafrica
di Luca Benedetti
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Dicembre 2021, 10:46

FOLIGNO Dal Centro del mondo, al giro per il mondo e bloccato dall’altra parte del mondo per colpa della variante Omicron. È la disavventura di cui è protagonista Fabio De Gaetano, ingegnere folignate bloccato dal 26 novembre a Johannesburg, in Sudafrica. Nessun speranza, per ora, di prendere un volo per fuggire dall’ultimo incubo Covid.
Da anni vive negli Emirati Arabi a Dubai, è iscritto nell’Aire (l’anagrafe degli italiani residenti all’estero) ma non può tonare nè a Dubai né in Italia perché per l’emergenza legata alla variante Omicron possono tornare sia negli Emirati Arabi che nello Stivale solo i residenti. Tra il profilo Facebook e una chiamata al Messaggero su WhatsApp, l’ingegner De Gaetano, l’incredibile storia la racconta così: «Vivo e lavoro a Dubai. Sono un cittadino italiano, residente negli Emirati Arabi Uniti. Il 21 novembre sono andato a Johannesburg per una conferenza internazionale. Il 26 novembre c’era la brutta novità di Omicron, proprio dal Sudafrica. Di conseguenza, molte nazioni hanno chiuso i ponti con il Sudafrica. Nel dettaglio, Dubai permette solo ai cittadini degli Emirati Arabi Uniti di tornare a casa. Non sono un cittadino degli Emirati Arabi Uniti, quindi non posso tornare a Dubai. Ok, giusto, questa è un’emergenza mondiale, posso capire e concordare. Così ho pensato: “andiamo in Italia, che è il mio paese natale”. Ma con tanto disappunto ho scoperto che l’Italia permette solo ai cittadini italiani residenti anche in Italia di tornare a casa. Di conseguenza, non posso rientrare in Italia, perché residente all’estero (sono in Aire, ndr). Non posso tornare a Dubai, ma non posso nemmeno tornare nel mio paese natale. Sono bloccato in Sud Africa.
Sì, non sono molti nella mia situazione. Appartengo ad una “minoranza”. Ma come definireste un paese che fa leggi e regolamenti senza considerare tutti gli scenari possibili che coinvolgano le minoranze? Un paese che non si preoccupa di quello che potrebbe accadere ad alcuni dei suoi figli a causa di decisioni così spietate?»
De Gaetano, laureato in ingegneria elettronica a Roma, ex dirigente Telecom Italia, è dal 2018 con i cinesi di Zte a Dubai. Adesso resta a Johannesburg, grazie al tetto che gli sta garantendo chi ha organizzato la conferenza a cui ha partecipato. Il volo organizzato per riportare gli italiani dal Sudafrica sembrava la via d’uscita migliore. E invece.
«Invece- racconta l’ingegnere che a Foligno ha frequentato il liceo scientifico “Marconi”- il Consolato sta organizzando un volo di rientro in Italia, ma mi hanno confermato che non posso salire su quell’aereo». Ecco la mail con cui il Consolato generale d’Italia a Johannesburg ha risposto alla comprendiamo la situazione ma pu rtroppo il Governo Italiano non concede l’ingresso a chi non sia residente nel Paese (residenza anagrafica prima del 26 novembre 2021).
Il comunicato del Ministero della salute ha validità fino al 15 Dicembre 2021. Le consigliamo di monitorare il sito www.viaggiaresicuri.it che viene aggiornato costantemente oppure di ricontattarci tra alcuni giorni per aggiornamenti».
«Avevo comprato -racconta De Gaetano-il biglietto per Roma (Klm), ma l’ho dovuto annullare dato che l’Italia non mi farebbe entrare. Sto cercando di andare in Spagna. Paradossalmente la Spagna mi accetta, in quanto cittadino europeo, ma l’Italia no». Una volta atterrato a Barcellona dovrebbe attendere la quarantena di 15 giorni prima di poter tornare a Foligno. Intanto aspetta un segnale dal suo Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA