Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, in Umbria si ammalano anche i ventenni

Coronavirus, in Umbria si ammalano anche i ventenni
di Fabio Nucci
3 Minuti di Lettura
Sabato 28 Marzo 2020, 08:22

PERUGIA - Il contagio avanza ma in modo discontinuo e la curva che registra i nuovi positivi è tornata a scendere dopo lo scatto di giovedì, quando con 92 nuovi casi si è registrato l’aumento in valore assoluto più alto dall’inizio dell’emergenza. Ieri l’incremento è sceso a 82, con un’avanzata del 10,2%, considerando il numero dei positivi del giorno precedente, tra le più basse registrate. Sono i numeri che potrebbero preludere a una fase più distensiva del contagio, con l’accelerazione annunciata sui test, che metterà a nudo anche l’efficacia delle misure restrittive. Una risposta che va cercata anche nei numeri dei soggetti in osservazione, persone non positive, spesso in auto-quarantena, che hanno avuto contatti con contagiati. Ieri se ne sono contate altre 146, col totale salito a 2.960: ma ciò che conforta è la costante riduzione del rapporto con le persone “attualmente positive” che appare in costante discesa. Indicatore che nell’ultima settimana è passato da 6,7 a 3,3 per ogni contagiato. Un dato per il quale non è per ora possibile operare un raffronto nazionale, visto che l’Umbria è una delle poche regioni che, attraverso le unità sanitarie, raccoglie sistematicamente anche questa informazione poi elaborata dalla Direzione Umbria Salute.
SI ABBASSA L’ETÀ DEI CONTAGIATI
Sono salite a 409 le infezioni diagnosticate dai laboratori di riferimento regionale e “indagate” dall’Istituto superiore di Sanità nell’appendice al bollettino, aggiornata al 26 marzo. Con quasi il doppio dei casi studiati, l’età mediana dei positivi è passata da 56 a 54 anni (in Italia è 62 anni), mentre tra le infezioni diagnosticate figurano anche quelle di 18 operatori sanitari (10 in più i contagi certificati in tre giorni). Nella scansione per fascia d’età, la diffusione del contagio inizia a spalmarsi: i cinquantenni restano i più colpiti (24,2%), ma crescono i positivi tra i quarantenni (13,7%) e sono raddoppiati, da 17 a 34, i casi tra i ventenni (8,3% del totale positivi). I casi crescono ma meno velocemente tra gli over 70: 13,2% nella fascia 70-79, 6,3 tra gli over 80. Rispetto alla distribuzione nazionale del contagio, in Umbria si riscontra una maggior concentrazione tra gli under 40 e una distribuzione meno uniforme dei casi tra gli ultra quarantenni.
DEGENTI E GUARITI
Continua a scendere il rapporto tra i degenti per motivi legati al virus, pari a 195, e il totale degli attualmente positivi che in Umbria sono 824: alle 8 di ieri risultano infatti 23,7 ricoveri ogni cento contagiati (in Italia 39,2). E si riduce anche il rapporto tra degenti e terapie intensive, rapporto pari a 23,6 (14,3 il dato nazionale). Continua invece a salire il rapporto tra guariti e positivi: oggi si conta una persona uscita dalla malattia ogni 80 contagiati totali mentre a livello nazionale si conta un guarito ogni 8 positivi complessivi. Da segnalare inoltre la categoria dei clinicamente guariti, coloro che sono asintomatici ma non ancora negativi al tampone covid-19, che in un giorno sono più che raddoppiati, passando da 12 a 28.

© RIPRODUZIONE RISERVATA