Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, Regione: «Almeno un caso sospetto in Umbria»

Coronavirus, Regione: «Almeno un caso sospetto in Umbria»
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Febbraio 2020, 15:56 - Ultimo aggiornamento: 23 Febbraio, 18:11
PERUGIA - La Regione ammette: un caso sospetto ad Assisi. Il caso è stato segnalato nella mattinata di sabato durante la riunione della task-force regionale in collegamento con il Comitato operativo del Dipartimento nazionale della Protezione civile.

Il caso presenta caratteristiche di  “sospetto” ed è monitorato dai servizi sanitari territoriali. Si tratta di una donna, portata in isolamento, ospitata in una piccola struttura ricettiva umbra che presenta sintomi respiratori e che avrebbe avuto  contatti in tempi recenti con un'altra persona che ha contratto l’infezione da Coronavirus in Lombardia.

Altro caso sospetto, sempre nella giornata di sabato, a Trestina: una donna della zona di Lodi che si trovava da qualche giorno in Altotevere e segnalata dalla Usl di Lodi come possibile caso sospetto, si è "autosegnalata" e di concerto con i medici di Città di Castello ha deciso di tornare a casa.

La Regione precisa che le organizzazione sanitarie regionali  si sono attivate per ospedalizzare la persona con sintomi e mettere in sicurezza tutti i contatti, al fine di annullare il rischio della collettività.
Viene ribadito che le raccomandazioni divulgate sinora di rispetto delle norme igienico sanitarie sono efficaci per prevenire contagi. Inoltre si sottolinea la necessità di rivolgersi telefonicamente al proprio medico di famiglia in caso di sintomi influenzali senza recarsi negli ambulatori o ai pronto soccorso degli ospedali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA