Coronavirus, come chiedere prestiti: i consigli degli esperti economici

Tutti preoccupati per la situazione finanziaria
di Italo Carmignani e Fabio Nucci
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Aprile 2020, 08:16 - Ultimo aggiornamento: 12:25

PERUGIA La tipologia più richiesta, per ora, è il finanziamento fino a 25mila euro con quasi 2mila domande pervenute ai due principali gruppi bancari in una settimana. Ma non è l’unica via, specie per le piccole imprese, per accedere ai fondi per sostenere la liquidità in questa fase interlocutoria dell’economia, con 35mila unità locali sospese dall’emergenza sanitaria.
La prima strada per ottenere fondi, per imprese, professionisti e persone fisiche, è quella dei prestiti fino a 25 mila euro (o comunque entro il 25% dei ricavi) della durata massima di sei anni e con un pre-ammortamento di 24 mesi: tradotto, per la quota capitale, le rate scattano dopo 2 anni. «Per tali prestiti – spiega Maurizio del Savio, già direttore generale della Banca Popolare di Todi e della Bcc di Spello e Bettona - è prevista una garanzia statale del 100% dell’importo chiesto alla banca. Su tale punto va chiarito che quando si dice che la pratica è senza istruttoria, ci si riferisce a quella per il Fondo centrale garanzia: la banca deve comunque verificare i parametri, ad esempio tramite visura camerale, ma possono essere chiesti anche bilanci o certificazioni. L’analisi di questi documenti, quindi, comporta un’istruttoria».

Coronavirus, bonus affitti viene esteso: entrano anche teatri e palestre

Coronavirus, bonus autonomi automatici e in 24 ore: aiuti a famiglie e colf. Sussidio temporaneo per nullatenenti

Un iter che tutti i gruppi bancari stanno snellendo, con richieste e documentazione che, come chiarisce Unicredit sul proprio portale, possono essere inviate via pec. Quanto ai numeri, Intesa Sanpaolo stima in oltre 1.700 le richieste pervenute da parte delle imprese umbre. «I dati sono in continuo aggiornamento, visto che la raccolta delle richieste avviene soprattutto on line, velocizzando e semplificando al massimo l’iter di richiesta e di erogazione: cerchiamo di restare entro le 72 ore dalla richiesta». Considerando la macro area territoriale Lazio, Toscana e Umbria, Ubi ha invece fatto sapere di aver confermato già 1.500 pratiche di garanzia, «quotidianamente in aumento». L’erogazione, come ricordato, è “coperta” dal Fondo di garanzia per le Pmi, mediata dal Mediocredito centrale, cui fanno capo anche le garanzie al 90% (estendibili al 100% con l’intervento dei Confidi) per Pmi con fatturato fino a 3,2 milioni per un massimo di 800 mila euro di finanziamento.
Poi, c’è la “terza via” che per molte imprese umbre potrebbe rivelarsi la più utile e la più gettonata. «Il fondo centrale ha aperto a garantire fino a 5 milioni anche prestiti finalizzati al consolidamento delle passività pregresse – spiega Del Savio – purché ci sia liquidità pari al 10%. Questo vuol dire che, ad esempio, si può chiedere un mutuo di “100”, garantito all’80%, e che con questi fondi si possono estinguere “90” di passività. Uno strumento che in questo momento potrebbe risultare utile per diluire i debiti nel tempo, non prevedendo le limitazioni dei primi due». A proposito di debiti “spalmati”, proprio ieri Intesa Sanpaolo ha disposto la proroga - alle stesse condizioni e senza oneri aggiuntivi - delle linee di credito non rateali con scadenza anteriore al 30 settembre 2020. «Una decisione che può riguardare circa 20mila clienti in Italia – spiega l’istituto – e presa nell'ambito delle misure stabilite a supporto delle imprese per l'emergenza covid-19».
Quanto al peso economico di tali finanziamenti, la circolare Abi inviata alle banche parla di “commissioni limitate al recupero dei costi” mentre il costo del prestito coperto dalla garanzia “deve essere inferiore al costo che sarebbe stato richiesto dalla Banca per operazioni con le medesime caratteristiche ma prive della garanzia”. Nella pratica, per i prestiti da 25mila euro, Intesa Sanpaolo parla di tassi che partono dallo 0,04% e comunque non superiori al 2%. Unicredit, come appare nel foglio informativo, considerando sempre il pre-ammortamento, applica lo 0% per prestiti a 36 mesi, lo 0,25% a 48, lo 0,75% a 60 e l'1% per i finanziamenti di 72 mesi; con garanzia di identico Taeg.

© RIPRODUZIONE RISERVATA