Perugia, per la Fase 2 la sfida degli oratori

Domenica 10 Maggio 2020 di Riccardo Gasperini
La festa degli oratori al PalaBarton
PERUGIA - Si rinnova la sinergia Comune-Archidiocesi per la realizzazione di progetti formativi nell’ambito dell’attività degli oratori. Dopo l’approvazione della giunta comunale lo scorso 6 maggio, è stato rinnovato il protocollo di intesa che allunga il percorso avviato nel 2014, la cui realizzazione è affidata alle parrocchie tramite gli oratori, più di 30 realtà nel territorio perugino e non solo d’estate. In una fase delicata come quella attuale per l’emergenza coronavirus, gli oratori si apprestano a svolge un ruolo non indifferente per le famiglie. Sono infatti allo studio a livello diocesano, regionale e nazionale «progetti a sostegno delle attività estive offerte dalle realtà oratoriali per venire più incontro alle necessità delle famiglie», ha annunciato don Riccardo Pascolini, segretario nazionale della Fondazione Oratori Italiani e responsabile del Coordinamento Oratori Perugini. «Il rinnovo del protocollo con il Comune è colto dai nostri oratori come segno di riconoscimento per l’opera svolta fino ad ora e di incoraggiamento per quella futura da realizzare in un momento di grande incertezza e con non poche difficoltà logistiche ed organizzative, nella consapevolezza che gli oratori del Cop ci saranno nella Fase 2, in modo più puntuale e preciso, con le porte aperte, non solo virtualmente, nel rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza sanitaria».
LA FINALITÀ
Con questo progetto il Comune ha riconosciuto l’importanza socio-educativa delle realtà oratoriali. La loro finalità, si legge nel protocollo, si fonda «in ambiti e in azioni diversificate attinenti alla vita di bambini, giovani e loro famiglie, dalle iniziative formative a quelle sportive, di animazione culturale, ricreative ed aggregative, fino ad ogni altra attività propedeutica allo sviluppo culturale, educativo e formativo delle nuove generazioni». La funzione degli Oratori è riconosciuta dalla legge nazionale 206/2003 e da quella regionale 28/2004. Nel cuore verde d’Italia sono stati costituiti più di 110 oratori, frequentati complessivamente da alcune decine di migliaia di giovani seguiti da centinaia di animatori. Nella sola Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve sono oltre 5.000 i frequentatori, seguiti da più di 1.000 animatori. IL SUPPORTO Il protocollo, di durata triennale, impegna il Comune «nei limiti di disponibilità di bilancio a corrispondere all’Archidiocesi, per ogni anno di durata uno specifico contributo economico». L’Archidiocesi a sua volta, fra le altre cose «si impegna a promuovere i contenuti del protocollo per favorire la realizzazione sul territorio di progetti e azioni finalizzati ad attività di promozione della funzione formativa, aggregativa ed educativa rivolta ai bambini, giovani e loro famiglie». Nell’occasione la chiesa diocesana ha voluto ringraziare per il supporto il sindaco Andrea Romizi, il vice sindaco ed assessore alle Politiche per l’infanzia Gianluca Tuteri e il consigliere comunale delegato Nicola Volpi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani