CORONAVIRUS

Coronavirus, la Galleria nazionale dell'Umbria
vola nella riapertura e tiene testa anche a Pompei

Domenica 31 Maggio 2020 di Francesca Duranti
Nella foto di Marco Giugliarelli il sistema di termoscanner automatico della  Galleria nazionale
PERUGIA Primo sabato post quarantena per la Galleria Nazionale dell'Umbria che registra una dato decisamente confortante se si pensa che Pompei ha aperto le porte a poco più di cento visitatori, la Galleria non è stata da meno staccando 50 biglietti di ingresso. Complice la mostra di Taddeo di Bartolo riprogrammata dal 28 maggio al 30 agosto. L'esposizione non fu mai aperta, dopo l'inaugurazione in diretta live su Facebook, le opere di Taddeo di Bartolo sono rimaste chiuse in sala Podiani fino alla riapertura del 28 maggio. L'artista senese vissuto dal 1362 circa al 1422, diffuse il linguaggio senese tra Toscana, Liguria e Umbria. Questa è la prima monografica sul pittore voluta dal direttore Marco Pierini, che assembla un centinaio di opere prestate da raccolte italiane ed estere.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani