CORONAVIRUS

Umbria, frodi alimentari: 43 diffide e un sequestro

Domenica 10 Maggio 2020

PERUGIA - L’agroalimentare, in questo periodo di emergenza, non ha fermato la propria produzione anche se sta risentendo dei consumi vicini allo zero di bar e ristoranti che rimangono chiusi, salvo per chi fa asporto. Sotto la vigilanza dell’Icqrf, l’Istituto centrale repressioni e frodi, sono stati effettuati oltre 21mila controlli antifrode in tutta Italia sulla filiera agroalimentare garantendo i consumatori italiani e le produzioni nazionali di qualità. I sei laboratori dell’Icqrf hanno esaminato 2.705 campioni per oltre 69mila determinazioni analitiche. Per quanro riguarda l'Umbria sono stati effettuati 554 controlli, di cui 43 diffide e un sequestro, prevalentemente nei settori del vino, olio, latte, ortofrutta, carne e uova.
«All’Icqrf-commenta l‘onorevole Filippo Gallinella (M5S), presidente Commissione agricoltura alla Camera- va un doveroso ringraziamento per il lodevole lavoro svolto»

© RIPRODUZIONE RISERVATA