Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Cantamaggio va avanti e spera:
«Non ci ha fermato nemmeno il Duce»

Il Cantamaggio va avanti e spera: «Non ci ha fermato nemmeno il Duce»
di Lucilla Piccioni
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Aprile 2020, 17:45 - Ultimo aggiornamento: 19:42

Le notifiche fioccano, WhatsApp squilla a tutte le ore. Nonna e nipote si tengono costantemente aggiornate sull'andamento dei lavori per il carro di maggio. «Azzurra mi fa vedere quello che dipinge, io dico la mia, do consigli discutiamo, poi è il mio turno, mostro io, sempre tramite cellulare, quello che ho fatto, e tocca a lei sfoderare pareri. Abbiamo due stili molto diversi, ma andiamo comunque d'accordo», racconta Sandra Bianconi maggiaiola doc al lavoro per il carro di maggio nonostante la pandemia, è in Smart working nel senso che sta facendo a casa tutto ciò che ha dimensioni compatibili con un appartamento. E in questa sua avventura ha coinvolto anche la nipote, Azzurra Lelli, maggiaiola pure lei. Per ora stanno realizzando i pannelli di legno che orneranno la base del carro, sette per lato, quattro grandi e tre più piccoli, con motivi ispirati alla natura.
«Con mia nipote abbiamo comprato le vernici, i materiali e il legno prima che arrivasse il decreto, avevamo scelto insieme l'idea da realizzare e pensavamo di metterci insieme al lavoro. Poi è arrivato il blocco agli spostamenti lei vive in centro a Terni, ed io a Cesi. Impossibile lavorare affiancate ed allora ci siamo affidate alla tecnologia, video e foto, passo passo, per documentare il nostro lavoro», dice sorridendo Sandra Bianconi. «Non ero particolarmente affascinata da WhatsApp, ma devo dire che è un bellissimo modo per condividere comunque, per sentirci vicine, io e mia nipote, per far continuare a vivere la nostra passione condivisa per il Cantamaggio», racconta ancora Sandra Bianconi. E si va avanti perché i maggiaioli sono decisi a non saltare assolutamente l'edizione 2020 del Cantamaggio. Oltre a Sandra Bianconi e sua nipote Azzurra che lavorano per il carro Casali di Papigno, ci sono altri al lavoro, si preparano fiori di legno, stoffa e carta, piccole rifiniture.
«Certo dovremmo adeguarci alla situazione ma pensiamo di far slittare la data della sfilata, la festa di Primavera dei ternani ci sarà comunque», dice Maurizio Castellani presidente dell'Ente Cantamaggio. Irriducibili e testardi. «Il Cantamaggio non l'ha bloccato nemmeno Mussolini, l'aveva vietato ed i carri si sono realizzati in sordina all'interno del Palazzone, non ci piega nemmeno un virus tremendo come il Covid 19. La nostra festa si farà», nota Paolo Pennesi segretario dell'Ente Cantamaggio. Del resto la festa di Primavera, fossile sociale come dice l'antropologo ternano Andrea Agnetti nel suo ultimo libro, ha sempre rispecchiato le condizioni che si è trovata a vivere Terni, è stata cartina di tornasole di conflitti e contrasti. Ci saremo anche quest'anno statene certi, chiosa il presidente Castellani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA