«Coraggio e ingegno e smartworking possono far ripartire le nostre aziende». La ricetta della presidente Cinzia Tardioli

Sabato 2 Maggio 2020 di Giovanni Camirri
FOLIGNO - E’ l’imprenditrice folignate Cinzia Tardioli, 34 anni, CFO della Tardioli Alfredo di Foligno, azienda specializzata nella commercializzazione, lavorazione e nel trattamento dei metalli ferrosi e non ferrosi, è stata eletta alla guida del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Umbria per il triennio 2020/2023.
Presidente, cosa ha messo al primo punto della sua agenda?
“L’attivazione di un tavolo di confronto e dibattito per l’emergenza covid-19. Un tavolo che vedrà il nostro consiglio direttivo ragionare con Confindustria e rapportarci con la Regione e le altre realtà associative con un obiettivo chiaro di territorio”.
Alle imprese che stanno affrontando la pandemia cosa si sente di dire?
“Di avere coraggio soprattutto per ripartire e di mettere a frutto l’ingegno in particolari su settori non direttamente collegati al nostro business prima del coronavirus”
Può fare un esempio?
“Abbiamo aziende umbre virtuose del tessile che sono ripartite adeguandosi ad esigenze nuove come la produzione di mascherine”.
Guardando al futuro cosa farete?
“Uno dei primi momenti momenti di approfondimento che andremo a fare col movimento giovani sarà con l’Università di Perugia per valutare quelle che sono le prospettive di mercato future, perché sicuramente cambieranno tantissimo i paradigmi economici su cui si è fondata la nostra economia fino ad oggi. Il distanziamento sociale probabilmente sarà una regola che perdurerà per molto tempo, come la possibilità di lavorare in maniera alternativa con lo smartworking e quindi anche a distanza. Sicuramente questo avrà anche un impatto diretto sul traffico, sull’utilizzo dei mezzi pubblici e quindi siamo davanti ad un mondo diverso. Un mondo nuovo che va affrontato con un bagaglio di conoscenze storiche, ma con innovazione, altrimenti restiamo fuori dal mercato”.
Presidente, parliamo di formazione
“Sarà necessario fare in modo che i nostri momenti di incontro si traducano in occasioni di sviluppo per tutto il territorio e che creino un valore aggiunto concreto e tangibile per la nostra economia e le nostre aziende. Tra gli obiettivi, c’è la promozione e diffusione della cultura d’impresa che va fatta nelle scuole, negli ITS e nelle Università attraverso una propaganda attiva dei valori dell’azione imprenditoriale”.
E la sostenibilità?
“Saremo promotori – annuncia Cinzia Tardioli – di un Premio per la sostenibilità dei Giovani Imprenditori dell’Umbria, un concorso annuale che nasce con lo scopo di offrire un riconoscimento al lavoro dei giovani nell’ambito della propria azienda sulle tematiche legate a sostenibilità ed economia circolare”.
Oggi è la Festa del Lavoro, come dovrà essere il futuro?
“Lavoratori e datori di lavoro siano uniti per la ripartenza, che ci ci sia perciò un atteggiamento importante di condivisione perché altrimenti se non siamo uniti e se non siamo coraggiosi in questa ripartenza rischiamo di rimanere indietro. Dobbiamo fare squadra”.
L’ELEZIONE
L’elezione di Cinzia Tardioli è avvenuta mercoledì 29 nel corso dell’assemblea che si è svolta in videoconferenza. In occasione dell’Assemblea è stato eletto anche il Consiglio direttivo, che sarà composto da 14 giovani imprenditori in rappresentanza di tutto il territorio regionale. Ecco chi affiancherà la Presidente nella realizzazione del programma. Sarà composto da: Alessandro Asciutti – Logistica Integrata e Servizi, Eleonora Angelelli – Arkedil, Nicolò Bartolini – Connesi, Dino Bibbiani – Gi Group, Valentina Ciotti – Ciotti Luciano, Valentina Faina – Umbria Ufficio 2000, Giulia Franceschini – Umbria Gas, Nicolas Lolli – Falp Electric, Claudia Angelica Mariani – Hotel de Paris, Giovanni Mariotti – Cancellotti, Giulia Posati – Coiben, Silvia Satiri – Satiri Auto, Margherita Tofi – Aquarama, Eleonora Venturi – Venturi Vending © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani