Contolli di Pasqua, l'elicottero per tenere a casa le persone

Venerdì 10 Aprile 2020 di Michele Milletti
L'elicottero dei carabinieri
PERUGIA - Controlli dall’alto. Il rumore è continuo, in tanti si affacciano alle finestre. Da Perugia a Corciano, fin verso il Trasimeno: il controllo arriva dal cielo, è un elicottero dei carabinieri che sorvola la zona. E l’intento è chiaro: controllare nel modo più dettagliato e preciso possibile che le persone stiano in casa, che non contravvengano alle direttive. Perché da ieri sono iniziate le vacanze di Pasqua e la tentazione potrebbe essere quella di uscire più del necessario. Le direttive del ministero dell’Interno a prefetture e questure sono chiare: innalzamento dei controlli fino a Pasquetta per bloccare eventuali tentativi di “evasione” all’aria aperta o a casa di qualche familiare o parente, per assembramenti considerati ancora dannosi verso l’obiettivo di ridurre le misure di isolamento sociale il prima possibile. Controlli dal cielo che hanno coadiuvato ovviamente quelli da terra, con le forze dell’ordine e l’esercito a pattugliare le strade cittadine e anche le grandi arterie come Raccordo ed E45. Una nuova raffica di multe è arrivata nelle ultime ore: secondo quanto reso noto dalla prefettura, infatti, sono 77 i provvedimenti presi nella giornata di mercoledì nei confronti di persone controllate e risultate in giro senza motivi di comprovata urgenza. Ancora particolarmente alto il numero delle persone controllate, circa duemila, a riprova del fatto che i controlli sono stati ulteriormente alzati e che probabilmente è aumentato il numero delle persone che lascia le proprie case. Come un uomo controllato ieri pomeriggio dalla polizia municipale e sanzionato: residente nella zona della stazione, infatti, è stato fermato in via della Valtiera, zona Ponte San Giovanni, e ha detto agli agenti che si stava recando a fare spesa a Ponte San Giovanni. Inevitabile la sanzione per il non rispetto del principio di prossimità. Nel complesso gli agenti della municipale anche ieri hanno svolto decine di controlli tra persone, auto, parchi e autocertificazioni nelle zone di San Sisto, Castel del Piano, Strozzacapponi e ancora Ponte San Giovanni, Ponte Pattoli, Ponte Valleceppi e Ponte Felcino.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani