La ripartenza dei club/Urban 2022, il ritorno: sabato la novità Juicy, e una "bomba" rock made in Italy in arrivo

La ripartenza dei club/Urban 2022, il ritorno: sabato la novità Juicy, e una "bomba" rock made in Italy in arrivo
di Michele Bellucci
3 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Settembre 2022, 20:32 - Ultimo aggiornamento: 20:38

PERUGIA - Era ripartita sabato scorso la nuova stagione dell’Urban Club di Sant’Andrea delle Fratte, ovvero uno dei più amati locali per concerti del Centro Italia. Una nuova pagina della storia del live club perugino che parte con la carica di chi si è lasciato alle spalle un’esperienza durissima, con oltre due anni tra chiusure e capienze limitate, e che ora appare pronto a un grande rilancio: «Il pensiero più assillante era poter tornare a fare live - ammette Andrea Orlandi, uno dei gestori del noto locale - ed è quello che faremo. Inizieremo con una serie di appuntamenti più piccoli, una sorta di rodaggio, poi da gennaio arriveranno cose importanti. Ma non ci sarà da aspettare tanto, perché una "bomba" che farà felicissimi molti appassionati di rock made-in-Italy verrà annunciata la prossima settimana e sarà un evento memorabile».

Intanto è già stata ufficializzata l’unica data in Umbria dello “Xenoverso tour” di Rancore, che sarà all’Urban il 16 dicembre. Già confermati anche gli appuntamenti con i Savana Funk e Bruno Belissimo, tutti appuntamenti che vedranno una grande novità nella formula proposta: «Dopo 2 anni così abbiamo dovuto praticamente azzerare tutto - spiega Orlandi - quindi le cose che avevamo programmato di fare non sono più fattibili. Nel ripensare del tutto la nostra proposta ci siamo messi in testa di anticipare l’orario d’inizio dei concerti. A volte ci capitava di farli cominciare dopo mezzanotte e per molti diventava un problema. Da quest’anno si inizierà alle 22 o poco più tardi, proponendo sistematicamente una seconda serata a partire da mezzanotte». La scelta dell’Urban, spiegano i gestori, è anche finalizzata ad accontentare quel pubblico che ama più il dance-floor rispetto al live, proponendo di fatto due serate diverse: «Ci siamo resi conto che questa cosa funziona, perché proponendo nomi importanti nei live possiamo contare su un pubblico che da sempre ci chiede quello, ma poi a mezzanotte si cambia andando ad accontentare un target quasi totalmente diverso. Inoltre non faremo più le capienze che erano abituali prima della pandemia, eviteremo i “pienoni” perché sappiamo che la gente sta meglio ed è più tranquilla se si evitano sovraffollamenti. Questo ci ha costretti ad aumentare un pochino il biglietto, che ora in cassa sarà di 13 Euro. Abbiamo preso una posizione».

Per ora il periodo autunnale sarà caratterizzato dal ritorno di format già rodati, a partire dal "Friday I’m in rock" con Dj Fab che ha accompagnato l’inaugurazione di ieri e tornerà ogni secondo e quarto venerdì del mese con il sound ’80 e ’90; le canzoni degli anni 2000 saranno protagoniste nelle notti "Modern age" mentre "Spaghettoni" omaggerà la musica italiana più ballabile. Confermati anche i sabato con "Bounce", con selezioni dance-hall, e gli appuntamenti dedicati agli amanti dell’elettronica targati "Tangram". Tra le novità invece "Juicy", con selezioni legate al mondo dell’hip-hop, che debutterà domani sera, sabato primo ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA