Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Città di Castello, insulti e vessazioni all'anziana madre: scatta il divieto di avvicinamento

Città di Castello, insulti e vessazioni all'anziana madre: scatta il divieto di avvicinamento
1 Minuto di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 08:48 - Ultimo aggiornamento: 08:50

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Città di Castello  hanno eseguito la misura cautelare del divieto di avvicinamento, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Perugia, nei confronti di un uomo, 58 anni, responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia nei confronti dell'anziana madre. Gli accertamenti effettuati dai
poliziotti, costantemente coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia, hanno messo in luce le numerose vessazioni fisiche e psicologiche perpetrate negli ultimi anni dall'indagato.
È emerso che l'uomo, nel corso degli ultimi anni, si era ripetutamente lasciato andare a minacce, aggressioni verbali e pesanti offese contro la madre procurandole uno stato di sofferenza, depressione e paura. In un episodio, al diniego della donna di assecondare le sue richieste di denaro, era arrivato persino a minacciare di vendere la bicicletta dell'anziana signora. Neanche la carcerazione lo aveva indotto a cambiare atteggiamento, infatti, lo scorso aprile, a seguito ell'ennesima aggressione, la donna aveva richiesto l'intervento della
polizia. L'anziana, in lacrime, aveva chiesto aiuto ai poliziotti per uscire dall'incubo che stava vivendo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA